“Cásate y sé sumisa”: genial lectura.

http://berliccheemalacoda.blogspot.it/

 RIBLOGGATO DAL BLOG DI  COSTANZAMIRIANO.COM/
Il Ministro della Sanità spagnolo (Ministerio de Sanidad, Servicios Sociales e Igualdad) Ana Mato, Partido Popular,  ha chiesto ancora oggi che “Sposati e sii sottomessa” sia ritirato dal mercato iberico. Capita però anche che qualcuno in Spagna lo legga il libro, e ne scriva…  “Cásate y sé sumisa”: genial lectura.
Religión en Libertad
di José Manuel Puerta Sánchez
Ho appena letto il famoso e vilipeso libro.
Diciamo innanzitutto che non ho nessun interesse in comune con l’autrice, Costanza Miriano, né con la casa editrice Nuevo Inicio, che lo ha pubblicato in Spagna. E né l’una né l’altra mi costringono, da questo umile angolo del ciberspazio, a venirli a difendere.
In proposito hanno emesso dei chiarissimi comunicati stampa, per chiunque voglia intendere. Del resto, in suo favore può parlare persino lo stesso Papa, visto che continuano a volerla equivocare.
Ciononostante non voglio far mancare il mio piccolo contributo su quanto il libro mi ha dato, e perdonate se non sono “politicamente corretto” ma piuttosto un po’ audace. Di politicamente corretto ce n’è già parecchio in giro … cosicchè andiamo al sodo.
Il libro è geniale, dall’inizio alla fine. La lettura è molto gradevole e francamente divertente. Ma innanzitutto è pratico, sta coi piedi per terra, e ricorrendo in molte occasioni all’umorismo e all’ironia fa un’analisi accertata delle situazioni che giorno per giorno si vivono nella routine del matrimonio. E la cosa più bella è che lo fa senza perdere la prospettiva di una visione cristiana.
Chiunque sia sposato, specie se ha figli, si vedrà riflesso in molte delle scene dell’affanno quotidiano che l’autrice descrive. Gli spunterà più di un sorriso, a volte una sonora risata, e si sentirà finalmente compreso da qualcuno, sollevato al vedere che il suo non è un caso isolato.
Oltre a tutto questo, trovo fantastico lo smascheramento che l’autrice compie di molte menzogne che vengono sparse intorno a noi e che tante volte abbiamo assunto come verità.
Ci parla di questo concetto attuale di amore secondo il quale tutto si basa sui sentimenti, e che condanna al fallimento ogni relazione nel momento in cui viene a mancare “l’appetito”.
Racconta che c’è altro aldilà del “e vissero a lungo felici e contenti”, quando il principe arriva a palazzo e si toglie i vestiti della festa. Dice di quei coniugi che vivono la loro relazione come se si trattasse di un contratto, facendo valere i propri diritti, l’uno nei confronti dell’altro. Menziona anche la schiavitù a cui il moderno femminismo condanna la donna, esigendo che sia una perfetta lavoratrice, moglie, madre e padrona di casa. Ci sono dentro pannolini, punti di sutura, l’allattamento, la playstation. Critica la condanna imposta ai bambini, che in paesi come il suo (l’Italia), e in questo caso anche come il nostro, si vedono privati delle madri quando più ne hanno bisogno, a differenza di quanto accade nei paesi del centro e nord Europa.
E prima di tutto, pone l’accento specialmente sul fatto che l’uomo e la donna possano ritrovare il proprio posto all’interno del matrimonio, delle proprie famiglie. Parla del servizio, scelto liberamente e per amore, della donna verso la sua famiglia, e della dedizione reciproca dello sposo. Rifiuta l’idea attuale di parità, secondo la quale gli uomini e le donne devono dividersi gli stessi compiti nella stessa misura, dando piuttosto a ciascuno pari dignità, in ciò per cui si è chiamati, ciò che è naturale per ognuno, dove può dare il meglio.
Esalta il ruolo vitale della donna nella famiglia, come colei che unisce, sostiene, consola; ricorda la sua intelligenza, la sua capacità di far sì che l’uomo arrivi ad essere la guida amorevole della famiglia, disposto a dare la vita in essa e per essa.
Che poco si parla oggigiorno nella Chiesa di tutte queste realtà che gli sposi vivono giorno per giorno. Che poco della routine che li erode e li distrugge. Che poco del mutuo servizio. Che poco della donazione. Allo stesso modo, non basta esortare ad aver figli se poi non c’è alcun accompagnamento nel nuovo, vasto e sconosciuto universo in cui uno si addentra con loro.
Perciò sarebbe utilissimo che lo leggessero i fidanzati che si preparano al matrimonio, aprendo loro gli occhi a ciò che vi troveranno, che non sono i principi e le principesse e le stucchevoli storie con cui Hollywood ci martella dalla nostra più tenera infanzia. Ugualmente risulterebbe pratico per tante coppie che si sentono perdute. E anche, mi perdonerete, per tanti sacerdoti che di fronte alla problematica che deve affrontare un matrimonio nel suo cammino quotidiano, sono più persi della madre di Marco. (v. “Dagli Appennini alle Ande”, n.d.t.)
Non posso terminare senza ricordare che il demonio cerca, insistentemente, di distruggere i matrimoni cristiani. Per lui è un’ossessione. Questo libro, in quanto può essere di aiuto agli sposi, di sicuro è ugualmente da lui odiato. La persecuzione suscitata al libro, all’autrice, alla casa editrice e allo stesso Arcivescovo di Granada lo testimoniano. Tenetelo presente qualora vi invitassero a condannarlo. So che molti si stracceranno le vesti davanti a questo (“chi ti credi di essere”, “che impudenza”, etc.) però che Dio sia benedetto se servirà a che una sola persona si ricreda sul fatto che, criticando ciò che non si conosce (curiosamente in sintonia con partiti politici, sindacati e mezzi di comunicazione, che già pensano e decidono per noi), forse stiamo preparando la stanza degli ospiti per il demonio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...