Chi sei, dolce Luce che m’inondi e rischiari la notte del mio cuore?

Edith Stein…

By leggoerifletto
.

Chi sei, dolce Luce – Edith Stein

Chi sei, dolce Luce che m’inondi e rischiari la notte del mio cuore? Tu mi guidi qual mano di una mamma; ma se mi lasci non più d’un passo solo avanzerei. Tu sei spazio che l’esser mio circonda e in cui si cela. Se m’abbandoni cado nell’abisso del nulla,donde all’esser mi chiamasti. Tu a me vicino più di me stessa, più intimo dell’intimo mio. Eppur nessun ti tocca o ti comprende e d’ogni nome infrangi le catene: Spirito Santo – Eterno Amore!”

(Edith Stein)

>>> biografia

La forza della donna è la sua vita affettiva.
– Edith Stein –

Il corpo ha forma solo nella misura in cui è formato e portato dall’interno.
– Edith Stein –

Dio non ha la sua misura nell’essere che abbraccia tutte le cose; Egli è al di là dell’essere. L’ignoranza diviene dotta nella consapevolezza che ogni categoria dell’esistenza è inadeguata in rapporto a Dio; ed è silenzio liberamente eletto in attesa di verità.
– Edith Stein –

È proprio di tutto ciò che è finito il fatto di non potersi comprendere da sé, di rimandare ad un primo essere che deve essere un essere infinito.
– Edith Stein –

Buona giornata a tutti. 🙂

seguimi su: www.leggoerifletto.it

https://www.facebook.com/pages/Leggo-Rifletto/1564647580465036

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...