«Mi vuoi ancora bene?» ??? QUASI quasi mollo tutto e divento felice…

By leggoerifletto:

C’era una volta, un punto interrogativo – don Bruno Ferrero

Era molto grazioso e, come tutti i punti interrogativi, aveva l’aria molto intelligente. Da un po’ di tempo, però, girava per il paese sconsolato, amareggiato, deluso e depresso. Apparentemente, nessuno lo voleva più! Tutti ricorrevano, con sempre maggiore frequenza, al suo nemico acerrimo: il punto esclamativo! Tutti gridavano: «Avanti! Fermi! Muoviti! Togliti dai piedi!». Il “punto esclamativo” è tipico dei prepotenti, e oramai i prepotenti dominano il mondo. Anche per le strade e le vie cittadine, dove un tempo il “punto interrogativo” si sentiva un re, non c’era più nessuno che chiedeva: «Come stai?»; sostituito da: «Ehilà!». Non c’era più nessuno che fermava l’auto, abbassava il finestrino e chiedeva: «Per favore, vado bene per Bergamo?». Ora, usavano tutti il “navigatore satellitare”, che impartisce gli ordini con decisione: «Alla prima uscita, svoltare a destra!». Stanco di girovagare, si rifugiò in una famiglia.

I bambini hanno sempre amato i punti interrogativi. Ma, anche là, trovò un padre ed un figlio adolescente, che duellavano tutto il giorno, con i punti esclamativi… «Non mi ascolti mai!». «Non m’importa che cosa pensi! Qui comando io!». «Basta! Me ne vado per sempre!». Alla fine, il padre era spossato e deluso; il figlio mortificato e scoraggiato, quindi aggressivo. E soffrivano, perché non c’è niente di più lacerante, che essere vicini fisicamente e lontani spiritualmente. Il punto interrogativo si appostò sotto il lampadario, ed alla prima occasione entrò in azione… Accigliato e con i pugni chiusi, il padre era pronto allo scontro, ma dalla sua bocca uscì un: «Che ne pensi?», che stupì anche lui. Il figlio tacque, sorpreso. «Davvero lo vuoi sapere, papà?». Il padre annuì. Parlarono. Alla fine, dissero quasi all’unisono: «Mi vuoi ancora bene?». Il “punto interrogativo”, felice, faceva le capriole sopra il lampadario!

– don Bruno Ferrero –

“No. Non c’è nessuna società perfetta, nessuna religione perfetta.

E’ importante però sapere che noi intravvediamo la perfezione e che, qualche volta individualmente, qualche volta anche collettivamente, vi possiamo andare di un infinitesimo più vicini.

Noi vorremmo che la grande, assoluta felicità di cui sentiamo il desiderio ci venisse data, noi vorremmo raggiungere subito, ora, il porto luminoso della pace.

Giorno dopo giorno, in questa attesa, guardiamo sempre al domani, ma ci restano in mano solo briciole.

Io non credo che la natura, l’architetto dell’evoluzione, ci abbia messo nell’anima questo stimolo senza un senso. Esso ci costringe a creare sempre e creare migliaia, milioni, miliardi di esperienze, di esperimenti. La natura scopre solo attraverso una incredibile dissipazione.

Miliardi di miliardi di stelle per produrre la vita sulla terra, miliardi di uova per produrre un pesce, miliardi di miliardi di tentativi per produrre un passo in avanti.

Non siamo noi, è la natura che cerca. Se quella è la speranza, quella è la direzione. D’altra parte lo sappiamo anche noi, nella nostra vita individuale, che questo è l’unico modo di procedere. E’ solo quando il desiderio diventa doloroso ed il presente invivibile che noi riusciamo a spezzare gli ostacoli esterni ed interni e a correre avanti. Il desiderio che ci brucia è veramente il fuoco della vita; il dolore è il caos primordiale da cui emerge il mondo, l’angoscia del molteplice, del diviso che tende all’unità.

Quando, alla sera, noi sentiamo una nostalgia di non sappiamo che, è la vita che cerca la sua mèta: il giardino delle rose che è il suo destino.”

– Francesco Alberoni –

Da: L’albero della vita, ed. Garzanti

Se vuoi raggiungere la serenità, prendi la decisione di abbandonare tre cose:

1) Il bisogno di controllare tutto. 2) La necessità di essere approvati. 3) Il bisogno di giudicare gli altri.

Detto Zen

Buona giornata a tutti. 🙂

www.leggoerifletto.it

One thought on “«Mi vuoi ancora bene?» ??? QUASI quasi mollo tutto e divento felice…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...