Quando il buon Dio decise di creare il padre, co­minciò con una struttura piuttosto alta e robusta.

PAPA’

By leggoerifletto..

La pianta della pazienza

Un uomo duramente provato dalla vita, il quale aveva saputo mantenere sempre integra la sua serenità e il suo coraggio, sentendo avvicinarsi la fine chiamò intorno a sé i figlioli, le nuore, i nipoti e i pronipoti e disse loro:

“Voglio svelarvi un segreto. Venite con me nel frutteto.”

Tutti lo seguirono con curiosità e tenerezza, poiché sapevano quanto il vecchio amasse le piante.
Con le poche forze rimaste e rifiutando ogni aiuto, l’uomo cominciò a zappare in un punto preciso, al centro del verziere.
Apparve un piccolo scrigno. Il vecchio lo aprì e disse:
“Ecco la pianta più preziosa di tutte, quella che ha dato cibo alla mia vita e di cui tutti voi avete beneficiato.”

Ma lo scrigno era vuoto e la pianticella che l’uomo teneva religiosamente fra le dita era una sua fantasia.
Nonostante tutto nessuno sorrise , proseguì l’uomo :
“Prima di morire, voglio dare ad ognuno di voi uno dei suoi inestimabili semi. “

Le mani di tutti si aprirono e finsero di accogliere il dono e l’uomo continuò a dire:
“E’ una pianta che va coltivata con cura, altrimenti s’intristisce e chi la possiede ne è come intossicato e perde vigore. Affinché le sue radici divengano profonde, bisogna sorriderle; solo col sorriso le sue foglie diventano larghe e fanno ombra a molti. Infine, i suoi rami vanno tenuti sollevati da terra; solo con l’aiuto di molto cielo diventano agili e lievi a tal punto da non farsi nemmeno notare.”

Il vecchio tacque.
Passò molto tempo ma nessuno si mosse.
Il sole stava per tramontare, quando il figlio maggiore rispose per tutti loro:
“Grazie, padre, del tuo bellissimo dono; ma forse non abbiamo capito bene di che pianta si tratti.”

rispose l’uomo :
“Sì che lo avete capito. Mentre mi ascoltavate e mi stavate intorno, ognuno di voi ha già dato vita al piccolo seme che vi ho consegnato.
E’ la Pianta della Pazienza.”

“Non scoraggiarti, non lasciarti prendere dallo sconforto dinanzi alle mille tribolazioni della vita. Riconosci in ogni sofferenza, in ogni difficoltà una nuova opportunità di crescita.“ 

– Piero Gribaudi – 

da:  “Il libro della saggezza interiore. 99 storie intorno all’uomo” di Piero Gribaudi


Può sembrare difficile da mettere in pratica, ma è stato ampiamente dimostrato che un “atteggiamento positivo” nei confronti della vita, il cosiddetto “pensiero positivo” o la filosofia del “bicchiere mezzo pieno”, è utile per tenere in buona salute il sistema immunitario, oltre ad essere vantaggioso nei rapporti sociali.
Bisogna riconoscere che siamo costituiti da un’unità inscindibile di corpo, anima e spirito e gestire la nostra salute attraverso un adeguato stile di vita.




”Per chi ha fatto esperienza di un padre troppo autoritario ed inflessibile, o indifferente e poco affettuoso, o addirittura assente, non è facile pensare con serenità a Dio come Padre e abbandonarsi a Lui con fiducia. Ma la rivelazione biblica aiuta a superare queste difficoltà parlandoci di un Dio che ci mostra che cosa significhi veramente essere “padre”.

– Papa Benedetto XVI – 

E Dio creò il padre – Erma Bombeck, don Bruno Ferrero

Quando il buon Dio decise di creare il padre, co­minciò con una struttura piuttosto alta e robusta.
Allora un angelo che era lì vicino gli chiese: «Ma che razza di padre è questo? Se i bambini li farai alti come un soldo di cacio, perché hai fatto il padre così grande? Non potrà giocare con le biglie senza met­tersi in ginocchio, rimboccare le coperte al suo bam­bino senza chinarsi e nemmeno baciarlo senza quasi piegarsi in due!».
Dio sorrise e rispose: «E vero, ma se lo faccio piccolo come un bambino, i bambini non avranno nes­suno su cui alzare lo sguardo».
Quando poi fece le mani del padre, Dio le mo­dellò abbastanza grandi e muscolose.
L’angelo scosse la testa e disse: «Ma… mani co­sì grandi non possono aprire e chiudere spille da ba­lia, abbottonare e sbottonare bottoncini e nemmeno legare treccine o togliere una scheggia da un dito».
Dio sorrise e disse: «Lo so, ma sono abbastanza grandi per contenere tutto quello che c’è nelle tasche di un bambino e abbastanza piccole per poter strin­gere nel palmo il suo visetto».
Dio stava creando i due più grossi piedi che si fos­sero mai visti, quando l’angelo sbottò: «Non è giu­sto. Credi davvero che queste due barcacce riusci­rebbero a saltar fuori dal letto la mattina presto quando il bebè piange? O a passare fra un nugolo di bambini che giocano, senza schiacciarne per lo meno due?».
Dio sorrise e rispose: «Stà tranquillo, andranno benissimo. Vedrai: serviranno a tenere in bilico un bambino che vuol giocare a cavalluccio o a scaccia­re i topi nella casa di campagna oppure a sfoggiare scarpe che non andrebbero bene a nessun altro».
Dio lavorò tutta la notte, dando al padre poche parole ma una voce ferma e autorevole; occhi che ve­devano tutto, eppure rimanevano calmi e tolleranti. Infine, dopo essere rimasto un po’ sovrappensiero, aggiunse un ultimo tocco: le lacrime. Poi si volse all’angelo e domandò: «E adesso sei convinto che un padre possa amare quanto una madre?».

(Erma Bombeck)

Degli studenti universitari ebbero come compito per il fine settimana un lungo e caloroso abbraccio al loro papà.
«Non posso farlo» protestò uno, «mio padre mo­rirebbe».
«E poi» disse un altro, «mio padre sa che lo amo».
«Allora è facile» replicò il professore. «Perché non lo fai?».
Il lunedì seguente tutti parlavano, sorpresi, di co­me fosse stata soddisfacente l’esperienza.
«Mio padre si è messo a piangere!» diceva uno. E un altro: «Strano. Mio padre mi ha ringraziato».

(don Ferrero Bruno)

Fonte:”C’è qualcuno lassù” di Bruno Ferrero, ed.ElleDiCi, 1993

 
Battesimo

Siamo in Ecuador, nella regione del Panjan, il paese dove c’è la missione delle suore “Figlie dell’Oratorio”, con 30 mila abitanti ed un solo un prete e due suore. Lì fa sempre caldo e ci sono solo due mesi di pioggia all’anno. E’ un paese giovane con pochi anziani. Le case dei poveri sono formate da canne di bambù, sono piccole e ci abitano in molti, tra padre, madre, figli, nonni, zii e zie. Le suore fanno catechesi e oratorio. C’è una scuola di formazione per catechisti della città e delle comunità rurali. Hanno anche aperto una scuola parrocchiale ed un oratorio quotidiano che si chiama: Centro pastorale San Filippo Neri, con biblioteca, computer e collegamenti ad internet. Nella missione dispongono di un campo di calcio ed una piccola piscina. Lì si organizza anche il doposcuola pomeridiano. Due volte alla settimana gli anziani vengono all’oratorio per mangiare.

Ecuador, Argentina – Le Suore Figlie dell’Oratorio in missione on PhotoPeach

Buona giornata a tutti. 🙂

www.leggoerifletto.it

immagine esseresemprefamiglia.blogspot.it

L’OBBEDIENZA CHE VEDE, AMA E CUSTODISCE GESU’ IN OGNI UOMO

AUGURI AI PAPA’

- W le Frecce Tricolori
La festa del papà o festa del babbo

3 thoughts on “Quando il buon Dio decise di creare il padre, co­minciò con una struttura piuttosto alta e robusta.


  1. 10 Beautiful songs

    Here are 10 of the most beautiful songs on earth! I do not own any of the rights to any of these songs. Nor do I pretend to. This video is uploaded purely out of enjoyment. To the bridge of Khazad Dum – Howard Shore 00:00 – 1:08 One Day – Hans Zimmer 1:08 – 2:14 Time – Hans Zimmer 2:19 – 4:52 Now we are Free – Hans Zimmer 4:52 – 7:19 Plecotus – Hans Zimmer/James Newton Howard 7:19 – 9:35 Clash – Marc Streitenfel 9:35 – 10:16 Charge – Marc Streitenfel 10:16 – 11:00 Isengard Unleashed – Howard Shore 11:00 – 11:36 At Wits End – Hans Zimmer 11:36 – 11:57 Forth Eorlingas – Howard Shore 11:57 – 12:54

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...