il Vangelo di san Bartolomeo

Il Quinto Evangelio

 
Il_quinto_evangelio

Da: Il Quinto Evangelio, 1975 – Mario Pomilio

Dovete sapere che San Bartolomeo aveva scritto anche lui il suo bel Vangelo. Sapendo di dover morire mandò il libro ai Settanta, che sono i Settanta preti che hanno in custodia le Scritture. Appena costoro l’ebbero letto, cominciarono a lamentarsi: “E che faremo noi se questo Vangelo si divulga? Qui è scritto che dobbiamo fare penitenza e rinunziare ai beni del mondo e quello che abbiamo metterlo in comune con chi non ha.”

 Presero dunque quel libro e lo nascosero in una grotta. Ma li vide Gesù e subito li richiamo:  “Che cosa avete fatto delle mie verità? Esponetele invece in alto, che ognuno le possa leggere.”

Stavano tutti confusi, ma il più vecchio suggerì: “Portiamo dunque il libro in alto, secondo quanto ci è ordinato.”

Andarono allora in cima al Sinai e lo esposero su una rupe in modo bensì da potersi leggere, ma solo aggrappandosi alla rupe.

È così che il Vangelo di san Bartolomeo è rimasto sconosciuto e nessuno ne parla mai. Ma ogni tanto, quando più forte soffia il vento in cima al monte, un foglio se ne stacca e va a cadere in mezzo agli uomini. E coloro che lo raccolgono, lo guardano pieni di stupore, lo trovano bello come gli altri quattro Vangeli e vanno poi gridando in giro le verità d’amore che vi sono scritte.

– Mario Pomilio –

Il Quinto Evangelio, 1975, Rusconi Editore

«Si dice che all’interno dei quattro vangeli noti è come se ce ne fosse uno ancora sconosciuto. Ma ogni volta che la fede accenna a rifiorire, è segno che qualcuno ha intravisto quel Vangelo.» (pag 86)

– Mario Pomilio –

Il Quinto Evangelio, 1975, Rusconi Editore

“Una volta un dottore incontrò il Cristo Gesù: ‘Signore, io so bene che tu fosti il Messia e quel che pronunziasti è pieno di sapienza. Ma come può essere che un sol libro basti in eterno a tanta gente?’. Gli rispose Gesù: ‘Egli è vero quel che dici. Ma tu non sai che il popol mio lo riscrive ogni dì'” (pag. 87)

– Mario Pomilio –

Il Quinto Evangelio, 1975, Rusconi Editore

“Un uomo andava pellegrino cercando il quinto evangelio. Lo venne a sapere un santo vescovo e, per l’affetto di averlo veduto vecchio e stanco, gli mandò a dire queste parole: “Procura d’incontrare il Cristo e avrai trovato il quinto evangelio'”(pag. 323)

– Mario Pomilio –

Il Quinto Evangelio, 1975, Rusconi Editore

“La tradizione cristiana in fondo cos’altro è se non un lungo apocrifo, un andare cercando il Vangelo dei Vangeli?” (pag. 347) 

– Mario Pomilio –

Il Quinto Evangelio, 1975, Rusconi Editore

“… l’aspettativa quasi d’un altro libro che finisca quello che gli altri hanno lasciato incompiuto. E in pratica, mentalmente, lo veniamo scrivendo: ogni nuova domanda che ci poniamo intorno al Cristo che altro è, in definitiva, se non una pagina di quel libro?” (pag. 349)

– Mario Pomilio –

Il Quinto Evangelio, 1975, Rusconi Editore

Preghiera a Maria Addolorata


Regina dei martiri,
che sostenesti i più atroci dolori
e compisti nel tuo cuore il più eroico dei sacrifici,
io voglio unire le mie pene alle tue.
Vorrei essere vicina a te come san Giovanni
e le pie donne per consolarti della perdita del tuo Gesù.
Purtroppo riconosco che anch’io con i miei peccati
sono stato causa della morte del tuo Figlio diletto.
Ti chiedo perdono, o madre addolorata.
Accetta in riparazione l’offerta che io ti faccio di me stesso,
e il proposito di volerti sempre amare per l’ avvenire.
Metto nelle tue mani tutta la mia vita;
fa’ che io possa farti amare anche da tante anime
che vivono lontane del tuo Cuore materno. Amen.

Buona giornata a tutti. 🙂

www.leggoerifletto.it

                                                  Vittoriano Esposito  www.avezzano.terremarsicane.it

di Mario Pomilio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...