‘occorre essere attenti alle vibrazioni, alla melodia del reale’


Fra Giorgio Bonatti

Le mie rondini sono particolarmente felici stamane, tanto che passando veloci accanto al nostro coro, i loro schiamazzi coprivano le nostre parole pregate. Niente male si intende, sono certo di poche cose in questa vita, ma una è sicuramente questa: le nostre preghiere sono poca cosa in confronto al colore dei fiori e al loro profumo, alla rugiada che brilla al sole, al volo festante delle rondini o a quello sobbalzante delle farfalle…e così via.

Mi scappa l’occhio sull’agenda di Romena e leggo la frase di Vannucci donataci oggi: ‘occorre essere attenti alle vibrazioni, alla melodia del reale’. 

Forse davvero è così, forse l’attenzione è la prima delle virtù da ravvivare, da masticare lentamente, da far affiorare alla mente, e poi le vibrazioni diventano amiche di pelle, capaci di rianimarti ad ogni risveglio. Già, perché io non son vivo finché in qualche modo non riesco, almeno per un istante a mettere in armonia ciò che sono, terra e cielo, carne e spirito, mente e cuore. Altrimenti il tempo passa, e il rischio è di non accorgermi di esser vivo, di non vivere.

Etty, nel suo travaglio di vita, nell’inferno che la avvolge, riesce a descrivere con queste parole ciò che provo a dirmi: “Ora conosco la mia cura: accoccolarmi in un angolino e ascoltare quel che ho dentro, ben raccolta in me stessa … riprendere contatto con un frammento d’eternità” 

Adriana Zarri invece mi incanta così: “Se c’è uno stagno, o anche soltanto una pozzanghera, il cielo ci si specchia, al tramonto ci si indugia la luce e, la notte, ci cade dentro la luna: tutto un mondo in una pozza d’acqua; e noi non l’avevamo visto. Distratti, assenti, avevamo solo fatto attenzione a non bagnarci le scarpe.

 Ma, se appena la bellezza ci apre gli occhi, sul mondo dilaga lo stupore: stupefazione che è l’incantamento, che è gioia, che è preghiera”

Ogni giorno è come ricominciare tutto da capo. Ma forse è proprio questo il miracolo.

Fra Giorgio Bonatti

www.romena.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...