Amare, non è prendere un altro per completarsi, bensì offrirsi ad un altro per completarlo.

img_2533-1  img_2575-1

By leggoerifletto

Amare, la preghiera dell’adolescente – Padre Michel Quoist

Signore, vorrei amare, ho bisogno d’amare.
Tutto il mio essere non è che desiderio:
il mio cuore, il mio corpo,
si protendono nella notte verso uno sconosciuto da amare.

Le mie braccia brancicano nell’aria verso uno sconosciuto da amare.
Sono solo mentre vorrei essere due.
Parlo e nessuno è presente ad ascoltarmi.
Vivo e nessuno coglie la mia vita.

Perché essere così ricco e non aver nessuno da arricchire?
Donde viene quest’amore? Dove va?
Vorrei amare, Signore,

ho bisogno d’amare.
Ecco stasera, Signore, tutto il mio amore inutilizzato.

Ascolta, Mio caro, fermati,
fai, in silenzio, un lungo pellegrinaggio fino in fondo al tuo cuore.

Cammina lungo il tuo amore nuovo,
così come si risale un ruscello per scoprirne la sorgente.
E al termine, laggiù in fondo, nell’infinito mistero della tua
anima turbata, Mi incontrerai,
perché io mi chiamo Amore piccolo,
ed Io non sono altro che Amore, da sempre,
E l’amore è in te.
Io ti ho fatto per amare, per amare eternamente.
Ed il tuo amore sarà un altro te stesso.

Lei sta cercando;
Rassicurati, è già sulla tua strada,
In cammino da sempre,

sulla strada del Mio Amore.
Bisogna aspettare il suo passaggio,
lei si avvicina,

tu ti avvicini,
vi riconoscerete,
perché Io ho fatto il suo corpo per te,
ho creato il tuo per lei,

ho fatto il tuo cuore per lei, ho creato il suo per te,
e voi vi state ricercando nella notte,
nella mia notte che diventerà luce
se voi avrete fiducia in Me.
Conservati per lei, piccolo mio,

come lei si conserva per te.
Io vi custodirò l’uno per l’altra,
e, giacché hai fame d’amore,
ho posto sul tuo cammino tutti i tuoi fratelli da amare.
Credimi, è un lungo tirocinio l’amore,
e non vi sono diverse specie di amore:
Amare, vuol sempre solo dire abbandonare se stessi
per darsi agli altri…..


Signore, aiutami a dimenticarmi per gli uomini miei fratelli,
perché dando me stesso impari ad amare.

(Padre Michel Quoist)

http://leggoerifletto.blogspot.com/2010/09/lamore-non-e-gia-fatto-si-fa.html

 
Foto by Pierpaolo Lo Monaco – Indonesia 2010

Vivere l’amore, significa talvolta incamminarsi lungo sentieri non segnalati.

E ci vuole molta fedeltà, lealtà ed umiltà per non smarrirsi ed impantanarsi.

– Padre Michel Quoist –  

A cuore aperto

„Dì pure: non so. Non ne ho la forza. Non comprendo… 

E ti renderai utile all’altro poiché gli uomini hanno bisogno di interlocutori che riconoscano i loro limiti, per poter riconoscere i propri.

Sii te stesso. 

Gli altri hanno bisogno di te, tale quale il Signore ti ha voluto. 

Non hai il diritto di mascherarti, né di fingere, altrimenti defraudi il tuo prossimo. Di’ a te stesso: io gli posso dare qualche cosa perché egli non ha mai incontrato nessuno identico a me, né mai lo incontrerà, perché io sono un esemplare unico uscito dalle mani di Dio.

– Padre Michel Quoist – 

Buona giornata a tutti. 🙂

www.leggoerifletto.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...