” Per un po’ Dio non disse niente. Poi improvvisamente, quella notte rispose. “Certo che ho fatto qualcosa: Ho fatto te.”

Per la strada vidi una ragazzina che tremava di freddo, aveva un vestitino leggero e ben poca speranza in un pasto decente. Mi arrabbiai e dissi a Dio: “Perché permetti questo? Perché non fai qualcosa?” Per un po’ Dio non disse niente. Poi improvvisamente, quella notte rispose. “Certo che ho fatto qualcosa: Ho fatto te.”

– padre Anthony de Mello –

By leggoerifletto


La fune sospesa sull’abisso

I discepoli di Baal Shem un giorno chiesero: “Rabbi caro, dicci come dobbiamo servire Dio”. Egli rispose: “Come faccio a saperlo?”… poi raccontò loro l’episodio seguente:

Un re aveva due amici che furono dichiarati colpevoli di un delitto e condannati a morte. Pur amandoli, il re non osò graziarli per timore di dare cattivo esempio al suo popolo, perciò emise il seguente verdetto: “Si stenda una fune attraverso un burrone profondo e ciascuno dei condannati vi cammini sopra, verso la libertà, o verso la morte, nel caso di caduta”. Il primo riuscì ad arrivare sano e salvo dall’altra parte, l’altro allora gli gridò: “Amico dimmi come hai fatto”. E quello di rimando: “Che ne so? Ogni volta che pendevo da una parte, mi inclinavo verso quella opposta”.

 

– Padre Anthony de Mello –

Da: The prayer of the frog Gujarat Sahitya Prakash, Anand 1988, India Traduzione dall’inglese di Adria Marconi-Pedrazzi, ed. Paoline

Non cambiare – padre Antony De Mello

Per anni sono stato un nevrotico. Ero ansioso, depresso ed egoista. E tutti continuavano a dirmi di cambiare. E tutti continuavano a dirmi quanto fossi nevrotico.
E io mi risentivo con loro, ed ero d’accordo con loro, e volevo cambiare, ma non ci riuscivo, per quanto mi sforzassi.
Ciò che mi faceva più male era che anche il mio migliore amico continuava a dirmi quanto fossi nevrotico. Anche lui continuava a insistere che cambiassi.
E io ero d’accordo anche con lui, e non riuscivo ad avercela con lui. E mi sentivo cosi impotente e intrappolato.
Poi, un giorno, mi disse: «Non cambiare. Rimani come sei. Non importa se cambi o no. Io ti amo così come sei; non posso fare a meno di amarti».
Quelle parole suonarono come una musica per le mie orecchie: «Non cambiare. Non cambiare. Non cambiare… Ti amo».
E mi rilassai. E mi sentii vivo. E, oh meraviglia delle meraviglie, cambiai!
Ora so che non potevo cambiare davvero finché non avessi trovato qualcuno che mi avrebbe amato, che fossi cambiato o meno.
È così che mi ami, Dio?

– padre Anthony de Mello –

Fonte: Il canto degli uccelli., ed. Paoline
anthony-de-mello-biografia

Nessuno può sostituirsi a te

Un discepolo una volta si lamentava con il maestro: “Ci racconti delle storie, ma non ci sveli mai il loro significato”.

Il maestro disse: “Che ne diresti se qualcuno ti offrisse un frutto e lo masticasse prima di dartelo?”.

Nessuno può sostituirsi a te per trovare il tuo significato. Neppure il maestro.

– padre Anthony de Mello –

Fonte: Il canto degli uccelli, ed. Paoline

Un discepolo andò dal suo maestro e disse, astioso: “Tu mi nascondi il segreto ultimo della contemplazione!”.

“Nient’affatto”, rispose il maestro.

“E invece sì!”, ribadì l’allievo, e si allontanò risentito.

Capitò che i due si ritrovarono camminando all’alba ai piedi della montagna e udirono un uccello cantare al primo giorno.

Il maestro chiese: “Hai sentito l’uccello cantare?”.

L’allievo rispose: “Si. L’ho sentito”.

Il maestro rispose: “Adesso sai che non ti ho nascosto nulla”.

Padre Anthony de Mello – 

Fonte:  Dove non osano i polli

L’aquila che si credeva un pollo – Padre Anthony De Mello

Un uomo trovò un uovo d’aquila e lo mise nel nido di una chioccia.
L’uovo si schiuse contemporaneamente a quelli della covata e l’aquilotto crebbe insieme ai pulcini.
Per tutta la vita l’aquilotto fece quel che facevano i polli nel cortile, pensando di essere uno di loro.
Frugava il terreno in cerca di vermi e insetti, chiocciava e schiamazzava, scuoteva le ali alzandosi da terra di qualche decimetro.
Trascorsero gli anni e l’aquila divenne molto vecchia.
Un giorno vide sopra di sé, nel cielo sgombro di nubi, uno splendido uccello che planava, maestoso ed elegante, in mezzo alle forti correnti d’aria, muovendo appena le robuste ali dorate.
La vecchia aquila alzò lo sguardo, stupita. “Chi è quello?”, chiese.
“E’ l’aquila, il re degli uccelli”, rispose il suo vicino. “Appartiene al cielo. Noi invece apparteniamo alla terra, perché siamo polli”.
E così l’aquila visse e morì come un pollo, perché pensava di essere tale.

– Padre Anthony De Mello –

fonte: “Messaggio per un’aquila che si crede un pollo” (1990)

Come qualcuno ha detto una volta: “Per ottenere la pace del cuore, dimettetevi dall’incarico di direttore generale dell’universo”. 
Non sono il direttore generale, ma faccio quello che posso. 
Mi immergo e il risultato dipende da Dio, dalla vita, dal destino.

Padre Anthony De Mello

Da: Messaggio per un pesciolino che ha sempre sete, EditorePiemme



In che modo pensate che la maggior parte delle persone trascorra la vita? Cercando di fare buona impressione, ecco come. 
Assicurandosi di non essere criticata. Tentando di affermarsi. Mi chiedo quanti siano gli essere umani che non sono ossessionati da queste cose, per ventiquattro ore al giorno, consapevolmente o meno. 
Pochissimi, oserei dire. Qual è la conseguenza? Che pochissimi vivono davvero.

Padre Anthony De Mello

Da: Messaggio per un pesciolino che ha sempre sete, EditorePiemme

Buona giornata a tutti. 🙂

www.leggoerifletto.it

🙂  

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...