Due strade divergevano in un bosco d’autunno e dispiaciuto di non poterle percorrere entrambe…

Risultati immagini per Va' dove ti porta il cuore...

Va’ dove ti porta il cuore… 


 «Ci sono due modi di vivere la vita. Uno è pensare che niente sia un miracolo, l’altro è constatare che tutto lo è». 

Albert Einstein

By  leggoerifletto

Due strade – Robert Frost

Due strade divergevano in un bosco d’autunno

e dispiaciuto di non poterle percorrerle entrambe,
essendo un solo viaggiatore, a lungo indugiai
fissandone una, più lontano che potevo
fin dove si perdeva tra i cespugli.
Poi presi l’altra, che era buona ugualmente
e aveva forse l’aspetto migliore
perchè era erbosa e meno calpestata
sebbene il passaggio le avesse rese quasi uguali.
Ed entrambe quella mattina erano ricoperte di foglie
che nessun passo aveva annerito
oh, mi riservai la prima per un altro giorno
anche se, sapendo che una strada conduce verso un’altra,
dubitavo che sarei mai tornato indietro.
Lo racconterò con un sospiro
da qualche parte tra molti anni:
due strade divergevano in un bosco ed io…
io presi la meno battuta,
e questo ha fatto tutta la differenza.

– Robert Frost – 

«Quando la strada alle tue spalle è più lunga di quella che hai davanti, vedi una cosa che non avevi mai visto prima: la via che hai percorso non era dritta ma piena di bivi, ad ogni passo c’era una freccia che indicava una direzione diversa; da lì si dipartiva un viottolo, da là una stradina erbosa che si perdeva nei boschi. 

Qualcuna di queste deviazioni l’hai imboccata senza accorgertene, qualcun’altra non l’avevi neanche vista; quelle che hai trascurato non sai dove ti avrebbero condotto, se in un posto migliore o peggiore; non lo sai ma ugualmente provi rimpianto. 

Potevi fare una cosa e non l’hai fatta, sei tornato indietro invece di andare avanti. 

Il gioco dell’oca, te lo ricordi? La vita procede pressappoco allo stesso modo. Lungo i bivi della tua strada incontri le altre vite, conoscerle o non conoscerle, viverle o non viverle a fondo o lasciarle perdere dipende soltanto dalla scelta che fai in un attimo; anche se non lo sai, tra proseguire dritto o deviare spesso si gioca la tua esistenza, quella di chi ti sta vicino.»

– Susanna Tamaro – 

da: “Va’ dove ti porta il cuore”, Baldini & Castoldi, 1994

Preghiera del contadino durante il giorno

“Ricordami, Padre, che questa terra tu me l’hai prestata per conservarla con rispetto e nutrirmene con saggezza.
Per leggervi le tue leggi, scoprirvi i tuo volere e operare assieme a te, così come lo sapevano i padri.
Quando sfrondo gli alberi e taglio il bosco trattieni l’appetito delle mie braccia.
Che alla fustaia originale, guardiana della vita, io lasci sempre il suo giusto posto, tra i campi e i prati dove corre la siepe viva.
Ricordami che dopo aver preso occorre rendere.
Che devo darle nutrimento e lasciarla riposare.
Che il maggese, le spighe, le radici debbono avvicendarsi su di essa come le stagioni si avvicendano nel cielo.
Ricordami che non esiste erba cattiva, né bestia nociva. Che tutto ha un suo posto sotto il tuo sguardo, e non conviene cambiare troppo, anche se viene meno il mio profitto.
Ricordami i miei avi che vivono nel frutteto e al fondo di questi solchi.
In buon ordine e ben sano essi mi hanno lasciato tutto.
Ricordami i figli dei miei figli.
Per loro debbo piantare e tutto in buon ordine e ben sano a loro debbo lasciare”.

– Lanza del Vasto – 


Buona giornata a tutti. 🙂 www.leggoerifletto.it

ribloggato da  leggoerifletto

By anothersea.wordpress.com
Voglio amarti adesso Prima che le luci spengano negli occhi la loro evanescenza Prima che l’inquieto fiume trasbordi e ammagli del tutto il cuore Prima che la pioggia tocchi la sabbia e sparisca come spariscono le urla nel deserto Prima che ogni lacrima abbia la sua croce. Voglio vedere il tuo respiro fermarsi Voglio dormirti dentro e sognarti Volare sulla tua immacolata pelle e sbottonarti l’ultimo pudore Fuggire dal mondo e dal suo rumore Prima che gli inverni senza luce gelino le labbra prima dei baci Prima che il vento trovi spifferi in cui fischiare e mi distragga dal frumento dei tuoi occhi che diventi pane ogni giorno per sfamarmi Prima che il mare copra le nostre impronte o un gabbiano si stacchi dal tramonto o che i gigli diventino vermigli.

Bramante

Così, la vita va avanti… Forse mi farà inciampare,mi  farà male, ma anche da lì, posso ripartire per essere felice …

” per averti incontrato… “


—•ღ•—

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...