Padre Ermes Ronchi a Soul

LeggiAmo la Bibbia

#SOUL – Padre Ermes Ronchi ospite di Monica Mondo

Padre Ermes Ronchi è l’ospite di domenica. Friulano, abituato a guardare i monti dell’Altopiano, ha girato il mondo e poi è tornato a Isola Vicentina, dove nella quiete dei campi e dell’eremo svolge il suo ministero sacerdotale, scrivendo, accogliendo tantissimi cercatori di verità e ascolto della Parola di Dio. Servo di Maria, filosofo scrittore, editorialista, volto e voce dei media, è stato predicatore per il Papa di Esercizi Quaresimali che sono diventati un libro, Le nude domande del Vangelo. A Soul racconta la sua vocazione, l’incontro con padre Vannucci, le prime esperienze da “ribelle”, in comunità nuove, ispirate dal Concilio, il talento di saper portare il vangelo con la predicazione: come dice il papa, le prediche sono spesso noiose, dunque è un’arte rara… Dall’ammirazione per padre Vannucci padre Ermes inizia un cammino di fede ma anche di ribellione: “padre Vannucci mi…

View original post 52 altre parole

One thought on “Padre Ermes Ronchi a Soul


  1. Fabrizio De Andrè – Il Pescatore Ft. PFM Con Testo
    Acquista Su itunes:https://itunes.apple.com/it/album/arr

    Tratto Dall’Album PFM Live Volume 1

    Testo:
    All’ombra dell’ultimo sole
    s’era assopito un pescatore
    e aveva un solco lungo il viso
    come una specie di sorriso.

    Venne alla spiaggia un assassino
    due occhi grandi da bambino
    due occhi enormi di paura
    eran gli specchi di un’avventura.

    E chiese al vecchio dammi il pane
    ho poco tempo e troppa fame
    e chiese al vecchio dammi il vino
    ho sete e sono un assassino.

    Gli occhi dischiuse il vecchio al giorno
    non si guardò neppure intorno
    ma versò il vino, spezzò il pane
    per chi diceva ho sete e ho fame.

    E fu il calore d’un momento
    poi via di nuovo verso il vento
    davanti agli occhi ancora il sole
    dietro alle spalle un pescatore.

    Dietro alle spalle un pescatore
    e la memoria è già dolore
    è già il rimpianto d’un aprile
    giocato all’ombra di un cortile.

    Vennero in sella due gendarmi
    vennero in sella con le armi
    chiesero al vecchio se lì vicino
    fosse passato un assassino.

    Ma all’ombra dell’ultimo sole
    s’era assopito il pescatore
    e aveva un solco lungo il viso
    come una specie di sorriso
    e aveva un solco lungo il viso
    come una specie di sorriso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...