Le nostre ferite sono spesso le aperture nella parte migliore e più bella di noi.

#BuongiornoRomena con le parole di David Richo:

Le nostre ferite sono spesso le aperture nella parte migliore e più bella di noi

#buongiornoromena

Durante il terzo corso Wolfgang ha suggerito tre simboli da mettere nella bisaccia e da farsi bastare per poter camminare nella propria vita: il senso di appartenenza alla famiglia umana, un luce come direzione e speranza, e un pezzo di pane.

Wolfgang Fasser

3 thoughts on “Le nostre ferite sono spesso le aperture nella parte migliore e più bella di noi.

  1. Pingback: «La meraviglia negli occhi» | non c'è rosa senza spine By GiuMa

  2. Pingback: Invisibile agli occhi… – giro bloggando …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...