“Siamo sempre lo straniero di qualcun altro. Imparare a vivere insieme è lottare contro il razzismo.”

giro blogando nel Web...

Siamo tutti diventati un poco più razzisti.

E’ bastato che qualcuno iniziasse a instillare il germe, e il seme, lentamente, si è fatto strada.

Non credo sia solo una mia impressione, lo si sente in giro, si sente questa puzza che sta coprendo il profumo di umanità, si insinua nei pertugi e scava in ognuno fino a trovare casa.

So che ci sono problemi così enormi che qualcuno deve provare a risolvere, ma non si può fare infondendo odio e sospetto verso un mondo, una cultura, un colore. E’ una scorciatoia, la peggiore credo!

Sono razzista perché non faccio nulla, per questo stamattina provo a fermarmi e a scrivere qualche parola, per provare a mettere in circolo aria nuova, altrimenti soffoco.

Mi faccio aiutare dallo scrittore marocchino Tahar Ben Jelloun, dalle sue parole, perché sia lui a tracciare un solco nuovo, una nuova idea:

“Siamo sempre lo straniero di qualcun…

View original post 89 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...