si intonano le note scardinando le assi che serravano e il cuore prende il volo senza prepotenza, senza castigo ma libero di aver trovato l’accordo che l’anima aspettava

affido alla prima brezza la paura

perché possa essere dispersa

perché non trovi terra

troppe lacrime incastonate

troppi sorrisi inadeguati

mi sciolgo come fiocco di marzo

Il mio carnato si svela depositando la veste corazzata

lambisco nuove gemme

depositando un presente che non si priva

aro il selciato infondendo la maestra via

il cuore si scrolla dall’infagottato detrito

ritma di vibrazioni, ritrovando l’essenza

da fB di Maurizio Bagnoli

Maurizio Bagnoli

www.facebook.com/profile.php?id=100013544650235

abbiamo riso senza freni

Ci siamo …

Maurizio da Pratovecchio Ar

dove c’è la Pieve di Romena.

Ho dovuto abbandonare la mia idea di Dio affinché Dio mi apparisse luminoso nelle cose.

Paolo D’Ors

Con la luce dell’aurora

Arrivare, sostare e rigenerarsi. Questa è la grandezza della semplicità di questo luogo.

Grazie Romena

Marco B.

www.romena.it

pezzi-di-balcone-arse-dal-sole-e-scavate-dalle-intemperie

One thought on “si intonano le note scardinando le assi che serravano e il cuore prende il volo senza prepotenza, senza castigo ma libero di aver trovato l’accordo che l’anima aspettava

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...