Eccolo il maestro vero, che non condanna e neppure assolve, ma libera il futuro, cambia non il passato ma l’avvenire.

L'immagine può contenere: 1 persona, cielo, spiaggia, natura e spazio all'aperto

fra Giorgio Bonati

Una quaresima di misericordia! Che bello!
Ogni domenica incontrare Gesù che compie gesti e dona parole che sanno solo accogliere, abbracciare, semplicemente ‘aiutare a risorgere’.
Pasqua sarà solo la tappa finale di questo cammino, e lì ognuno dovrà provare a tirare le somme: quante volte sono riuscito a risorgere? ci toccherà domandarci.

Oggi incontriamo Gesù che “si chinò e si mise a scrivere col dito per terra”.
“Non c’è in un’intera vita cosa più importante da fare che chinarsi perché un altro, cingendoti il collo, possa rialzarsi”. Sono parole di un giornalista laico e ateo, Luigi Pintor. Da imparare a memoria!
Che bello Gesù che, inchinato, scrive nella polvere: io voglio pensare che stia disegnando il nuovo volto di questa donna, il suo volto originario, e come Dio nella creazione, lo sta impastando per farne uscire una persona nuova, come a dirgli: “guarda d’ora in avanti tu puoi essere migliore, tu puoi essere diversa, tu PUOI! Non ripetere i tuoi errori, i tuoi sbagli che infondo ti rendono peggiore, ti espongono all’insicurezza, alla mediocrità, al rischio della vita. Tu puoi essere molto meglio di quello che sei, tu puoi vivere molto di più la tua femminilità, il tuo essere donna, in un modo diverso, più alto, più vero”.
O forse Gesù ci sta invitando a scrivere nella sabbia le nostre sentenze: basterà il vento della sera per cancellare tutto; avete mai perso qualcosa nella sabbia? Provate a ritrovarla…la sabbia ingoia, cancella, dimentica tutto!
Per Gesù ogni uomo e donna che incontra è un miracolo, i suoi occhi sanno vedere solo quello che c’è dentro, che spesso è fatica e sofferenza che fa sbagliare: ecco perché il peccato è perdonato, perché il peccato si cancella come tutto ciò che è scritto sulla sabbia…

bonati2018

frA  Giorgio

NON UN CROCIFISSO MA IL VUOTO, IL RISORTO, L’INFINITO. UNICA EREDITÀ: L’ORO NELLE FERITE

“Il coraggio di essere felici – Le beatitudini”
con don Battista Borsato

domenica 7 Aprile ore 15.00 – 17.00

www.smariadelcengio.it/PIEGHEVOLE_CASA-SENTIERI-def.pdf

Eccolo il maestro vero, che non condanna e neppure assolve, ma libera il futuro, cambia non il passato ma l’avvenire.

E si rivolge alla luce profonda di quella creatura. Le dice: «Donna, tu sei capace di amare, tu puoi amare bene, amare molto. Questo tu farai…».

Giovanni 8, 1-11

In quel tempo (…) gli scribi e i farisei gli condussero una donna sorpresa in adulterio, la posero in mezzo e gli dissero: «Maestro, questa donna è stata sorpresa in flagrante adulterio. Ora Mosè, nella Legge, ci ha comandato di lapidare donne come questa. Tu che ne dici?». Dicevano questo per metterlo alla prova e per avere motivo di accusarlo.
Ma Gesù si chinò e si mise a scrivere col dito per terra. Tuttavia, poiché insistevano nell’interrogarlo, si alzò…

View original post 513 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: