Lettura della Passione dal Vangelo secondo Luca…

“DIO NON SALVA DALLA SOFFERENZA, MA NELLA SOFFERENZA; NON PROTEGGE DALLA MORTE, MA NELLA MORTE. NON LIBERA DALLA CROCE MA NELLA CROCE”

Inizia con la Domenica delle Palme la settimana suprema della storia e della fede. In quei giorni che diciamo “santi” è nato il cristianesimo, è nato dallo scandalo e dalla follia della croce. Lì si concentra e da lì emana tutto ciò che riguarda la fede dei cristiani.

Per questo improvvisamente, dalle Palme a Pasqua, il tempo profondo, quello del respiro dell’anima, cambia ritmo: la liturgia rallenta, prende un altro passo, moltiplica i momenti nei quali accompagnare con calma, quasi ora per ora, gli ultimi giorni di vita di Gesù: dall’entrata in Gerusalemme, alla corsa di Maddalena al mattino di pasqua, quando anche la pietra del sepolcro si veste di angeli e di luce.

Sono i giorni supremi, i giorni del nostro destino.

fra Ermes Ronchi

E mentre i credenti di ogni fede si rivolgono a Dio e lo chiamano nel tempo della
loro sofferenza, i cristiani vanno a Dio nel tempo della Sua sofferenza. 

Gesù entra nella morte e la attraversa. E a Pasqua ci prende dentro il
vortice del suo risorgere.

http://www.smariadelcengio.it/fra-ermes-ronchi-comunica/27197/commento-al-vangelo-14-aprile-domenica-delle-palme

Il #Vangelo della domenica delle Palme commentato da Alberto Maggi

https://youtu.be/_HKK9SbNQqE

Vieni, vieni chiunque tu sia, sognatore, devoto, vagabondo, poco importa. Vieni ...

Juan Medina, Josefa, 17 giugno 2018, agenzia Reuters/Contrasto. Josefa, la donna di origini camerunensi sopravvissuta aggrappandosi a un pezzo di legno per due giorni tra le onde prima di essere recuperata in mare. Questa foto è stata anche vittima di numerosi oltraggi mediatici.

www.monasterodibose.it/preghiera/vangelo/12936-tentazione-perdono

Domenica delle Palme
Lc 22,14-23,56
di ENZO BIANCHI

Per Luca la passione è l’ora dell’estrema tentazione satanica che assale Gesù, assale i discepoli e quindi anche la chiesa. Gesù sa vincerla con la preghiera, mentre lo stesso non può dirsi di Pietro e degli altri Undici, della chiesa… In questo vangelo vi è un accento particolare posto sul perdono che Gesù sa dare anche in quest’ora, l’ora dei suoi nemici, l’ora che egli stesso definisce come quella delle tenebre. Guardando a Gesù crocifisso, l’unica autentica contemplazione cristiana, si può passare dalla contemplazione al pentimento e alla conversione, che è sempre un ritorno sulle sue tracce.

Continua…

View original post 1.008 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...