“Io vado a pescare!” (Gv 21,1-14)

 

Che la vita vi doni numerose albe nel cielo, e tutte le insperate e necessarie rinascite dell’anima.

🌞🌙🌙🌞🌞🌔🌞🌞🌙🌙🌞

Letta da Fabio Volo – Parole|Note Short

Dobbiamo fare:

dell’interruzione un nuovo cammino,

della caduta un passo di danza,

della paura una scala,

del sogno un ponte,

del bisogno un incontro.”

http://www.romena.it

Vieni, vieni chiunque tu sia, sognatore, devoto, vagabondo, poco importa. Vieni ...

Buongiorno mondo! Oggi il Vangelo ci racconta di un Pietro che dopo i fatti di Gerusalemme esclama: “Io vado a pescare!” (Gv 21,1-14). La delusione, la morte subita dal Maestro lo portano a ritornare indietro, a riprendere la sua vecchia vita. Succede anche a noi quando imputiamo al Maestro o al Padre la colpa dei nostri insuccessi, o le cose che vanno storte nel mondo, i lutti improvvisi, le catastrofi, e via discorrendo. Tutto dipende dall’immagine di Lui che ci siamo fatti e che adattiamo con estrema facilità alla varie situazioni che il mestiere di vivere ci fa affrontare. La rete da pesca è sempre lì, la tentazione di tornare indietro o quella di cercare un “maestro” più in linea con le tue idee, un “maestro” che, obbediente, non ti aiuti a crescere ma sposi le tue idee e le tue visioni è sempre presente… sta a te decidere…

View original post 292 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...