«E chi è il mio prossimo?».

L'immagine può contenere: una o più persone, persone in piedi, bambino e spazio all'aperto

#Amo la Tua Parola
«E chi è il mio prossimo?».
Abbiamo sempre bisogno che gli altri ci dicano cosa fare, chi è da una parte o dall’altra, chi è il prossimo. Ma ascoltare quello che sentiamo dentro, non è possibile? Alla fine della parabola del buon samaritano, il Maestro indica che la vera risposta è farsi prossimo. La compassione, come l’empatia e la vicinanza, è uno dei sentimenti che in questa società indifferente si stanno perdendo sempre di più. Quando da bambino usciva sangue dal naso, il dottore cauterizzava il punto preciso e così il sangue si fermava. Ma si perdeva anche la sensibilità dell’organo olfattivo. Credo che questo tempo ci abbia “cauterizzato” il cuore e non siamo più capaci di sentire compassione. Qualcuno potrebbe obiettare che in realtà sente qualcosa; ma, credetemi, spesso quello che sentiamo è più pena o una forma di pietà, ma non compassione. La compassione è quel sentire dentro di te il dolore dell’altro al punto da dover agire all’unico scopo di alleviare quel dolore in chi ti sta di fronte. Oggi, nell’era del telefonino, c’è una gara a chi fotografa per primo quello “scatto” che immortala il dolore, la paura, la morte. Perché? Per avere in cambio un pollice alzato che ti dice “bravo”, e ti mette al posto giusto in questa società del “tutti uguali”, del tutti parte di un sistema anestetizzato che non sappiamo dove ci porterà. Più che tante parole, ci sarebbero solo veri silenzi da ascoltare. La compassione è questo: tornare più sensibili e umani grazie all’altro che risveglia ogni vera ‘passione’ che c’è in ciascuno di noi.
Canzone consigliata: Il mostro di S. Bersani

Domenica 14 Luglio 2019 (Lc 10, 25 – 37)

Paolo Costa

img_7949

Paolo Costa

Un piccolo ritiro in cui fra Paolo ci accompagna a vivere romena e lasciarsi toccare nel profondo, sostenuto dalle riflessioni bibliche ed esperienziali di Roberta Ravanelli.Aperto a tutti soprattutto per chi vuol conoscere Romena e imparare semplicemente a “Tornare umani”.

Prossimi appuntamenti 2019

1-3 Marzo 

12-14 Aprile

7-9 Giugno 

18-20 Ottobre 

8-10 Novembre 

 

www.romena.it

2 thoughts on “«E chi è il mio prossimo?».


  1. Gianmaria Testa, DENTRO LA TASCA DI UN QUALUNQUE MATTINO
    Dentro la tasca di un qualunque mattino
    dentro la tasca ti porterei
    nel fazzoletto di cotone e profumo
    nel fazzoletto ti nasconderei
    Dentro la tasca di un qualunque mattino
    dentro la tasca ti nasconderei
    e con la mano, che non veda nessuno
    e con la mano ti accarezzerei
    Salirà il sole del mezzogiorno
    passerà alto sopra di noi
    fino alla tasca del pomeriggio
    ti porto ancora
    se ancora mi vuoi
    Salirà il sole del mezzogiorno
    e passerà alto, molto sopra di noi
    fino alla tasca del pomeriggio
    dall’altra tasca ti porto
    se vuoi
    Dentro la tasca di un qualunque mattino
    dentro la tasca ti porterei
    col fazzoletto di seta e profumo
    col fazzoletto ti coprirei
    Dentro la tasca di un qualunque mattino
    dentro la tasca ti nasconderei
    e con la mano, che non veda nessuno
    e con la mano ti accarezzerei
    e con la mano, che non veda nessuno
    con questa mano ti saluterei

    "Mi piace"

Rispondi a giuma56 Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...