2 thoughts on ““IL VERBO SI FECE CARNE E VENNE A ABITARE IN MEZZO A NOI”

  1. “Ci fu un vento impetuoso e gagliardo da spaccare i monti e spezzare le rocce davanti al Signore,
    ma il Signore non era nel vento.
    Dopo il vento ci fu un terremoto, ma il Signore non era nel terremoto.
    Dopo il terremoto ci fu un fuoco, ma il Signore non era nel fuoco.
    Dopo il fuoco ci fu il mormorio di un vento leggero.
    Come l’udì, Elia si coprì il volto con il mantello, uscì e si fermò all’ingresso della caverna”

    (1Re. 19, 11-13)

    apologia-del-silenzio-luogo-dellincontro-con-dio

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...