Il profumo di nardo.

Il profumo dell’attesa: Tiziana Bonora

I giorni della tenerezza - Angelo Casati - copertina

(dal libro, I giorni della tenerezza, Edizioni Romena)

Fra Giorgio

Oggi voglio condividere con voi queste parole che profumano di Tenerezza infinita.

Ad ognuno oggi essere Maria di Betania, e provare a sprecare amore. Stasera il mondo sarà migliore, sicuramente!
Eccoti le mie parole che raccontano il cuore di Maria.

Gesù mio, io amo i tuoi piedi. Se c’è un posto dove avrei desiderato trascorrere l’intera mia vita è lì, accucciata ai tuoi piedi, accarezzandoli con le mie mani, baciandoli con le mie labbra, cullandoli con i miei occhi. Piedi sempre in movimento, piedi che ti hanno portato sulla strada di ogni uomo, senza dimenticare alcuno.
E’ lì che mi sono rifugiata la prima volta, in ascolto delle tue parole per me, per tutti, e lì mi sono stesa, stringendo al petto il mio alabastro col nardo prezioso conservato in tutta una vita.
Io la sentivo, la mia carne sentiva la tua fremere, e così che ho deciso che quello era il momento. Tutto il mio profumo, come volessi inondare il mondo intero, senza risparmiarne una goccia, abbondanza d’amore: sparso, donato ai tuoi piedi stanchi, sfiduciati…i piedi del mio Gesù.
E Giuda, il tuo amico, subito a calcolarne il prezzo. Ma come si fa a calcolare il prezzo dell’amore? L’amore non si compra, non si vende, non c’è prezzo, non c’è misura per l’amore! L’amore è tutto, e così tutto andava versato, ed oggi comprendo perché: l’amore è solo quando tutto è donato, come quello spicciolo della vedova al tempio, come quello del ragazzino nei pani e pesci, come il tuo sangue sparso sui due chilometri dell’ultima strada percorsa dai tuoi piedi salendo fino al Golgota.
Quando ti ho visto così sfigurato ho chiuso gli occhi e ho inspirato profondamente, e il tuo profumo è entrato di nuovo nelle mie narici e gli occhi hanno cominciato a lacrimare, e ogni lacrima d’amore si è sparsa ancora suoi tuoi piedi… i miei piedi.
D’ora in avanti mi basterà chiudere gli occhi e io sentirò la tua presenza: se qualcuno ti ha venduto, io ti ho ricomprato col mio prezioso nardo, se qualcuno ti ha legato, io ti do ali per volare nel per sempre come fragranza d’amore, come profumo della dismisura, effluvio d’abbondanza!

Fra Giorgio

Vieni, vieni chiunque tu sia, sognatore, devoto, vagabondo, poco importa. Vieni ...

In ebraico profumo si dice shemen. Richiama shem (=nome),

che indica la presenza di Dio tra gli uomini. Dio infatti è amore e Letizia che non può non comunicarsi e donarsi.

Il suo profumo si espanderà proprio dalla croce, dove il suo nome è glorificato anche dai più lontani.

Col cambio dell’ora e col cielo terso ho dinnanzi a me un sole rosso. Sembra immobile, sembra fissarmi, come a voler dire qualcosa: è questo il colore di questi giorni, rosso, rosso fuoco, rosso passione, rosso amore.

La prima maestra è Maria, sorella di Lazzaro e Marta. E’ lei ad insegnarci come si entra in questa settimana, e lascio ad Angelo Casati di descriverne il cuore.

“Maria è l’unica che si avvicina al mistero di quel suo amico, va al cuore delle cose, al cuore della fede, che è relazione vera. Relazione che è fatta di cuore. Per questo qualcuno distingue…

View original post 1.094 altre parole

3 thoughts on “Il profumo di nardo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...