La ragazza afghana

Fotografo a SkyTg24, futuro incerto, da esperti gravi errori

“Penso fosse chiaro da tempo come sarebbe andata. Era chiaro che c’erano problemi gravi. Sono andato in Afghanistan nel 2016 e la situazione era già critica all’epoca, e parliamo di 4-5 anni fa. La cosa sorprendente è che molte menti brillanti impiegate dai nostri governi hanno sbagliato su tutta la linea”. Intervistato da SkyTg 24 il grande Steve McCurry esprime tutta la sua preoccupazione per un paese che il fotografo americano ha visitato in lungo e in largo fin dagli anni ’70, e immortalato in una serie di ritratti, tra i quali quello che ha fatto storia della ragazza dai magnetici occhi verdi. “È sconvolgente come i cosiddetti esperti, gente specializzata in paesi come l’Afghanistan, siano riusciti a fare stime e valutazioni così sbagliate di quel che succedeva nel Paese. – dice – È impossibile che dopo 2 mila miliardi di dollari, 20 anni e così tante vittime, non si sia ottenuto un risultato migliore. È drammatico”.
    McCurry commenta la situazione drammatica di questi giorni “le persone, a Kabul o in Afghanistan, in generale sono disperate – ripete- impaurite, preoccupate per il futuro sapendo com’era già andata in passato con i talebani”. E d’altra parte il futuro appare tremendamente incerto per l’Afghanistan ed il suo popolo, commenta, anche per la stessa Sharbat Gula, la protagonista di quel suo celeberrimo scatto del 1984 , che era rientrata nel suo paese nel 2016. “Non l’ho sentita, ma immagino che anche lei, come tante altre afghane, sia in casa in attesa di capire cosa succederà”, risponde cronista del canale all news “Sono certo che in Afghanistan e soprattutto a Kabul tutti avranno paura per il futuro” aggiunge, “sanno come sono i talebani, sanno di cosa sono capaci, lo sanno tutti. Non hanno tolleranza, né compassione se è per questo, per le persone in generale”.
    I talebani, comunque, secondo McCurry, “sono abbastanza svegli da capire che non devono essere così estremi: forse è possibile che se la cavino più che bene con l’aiuto di Cina, Russia, Pakistan, Iran”. L’Afghanistan che lui, americano di Philadelphia, ha fotografato per anni è un paese che non esiste più, tuttavia l’artista non dimentica, “prima o poi in futuro tornerò – assicura – andrò per vedere com’è cambiata la vita lì. Nel frattempo sono ben felice di aiutare come posso. Ma non c’è alcuna certezza”.

(ANSA viaggiArt).

Truppe britanniche al passo Khyber, al confine con il Pakistan, nel 1919 (Hulton Archive/Getty Images)

Che storia ha l’Afghanistan

È molto travagliata, ha riguardato grandi imperi ed è piena di invasioni straniere, ben prima di quella degli Stati Uniti

www.ilpost.it/2021/08/29

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...