HARMONIA

HARMONIA

Film di Ori Sivan

cinema Araceli

Città:

VicenzaTipologia Evento:cinema

Proiezione del film

harmonia poster.png

Poster del Film HARMONIA

di Ori Sivan

introduce don Alessio Graziani

Adattamento della storia biblica di Abramo, Sara, Agar, Isacco e Ismaele: Harmonia ne traspone le vicende, metaforicamente alle radici del conflitto tra arabi ed ebrei, nel mondo dell’orchestra filarmonica di Gerusalemme. Evento a pagamento biglietto 4 euro / proiezione in versione originale con sottotitoli.

harmonia

HARMONIA

regista:
Ori Sivan
nazione:
Israele
anno:
2016
categoria:
film
durata: 98′
edizione festival: 2017
Sara, arpista della Filarmonica di Gerusalemme, è sposata con Abramo, l’onnipotente direttore d’orchestra. Non hanno figli. All’arrivo di Agar, giovane suonatrice di corno di Gerusalemme Est, tra le due donne cresce un’amicizia speciale, tanto che Agar offrirà a Sara di avere un bambino per lei. La ben nota storia biblica dei due figli di Abramo, che metaforicamente rappresenta le radici del conflitto tra arabi ed ebrei, si arricchisce di una prospettiva inedita ed emozionale.

in collaborazione con Festival Religion Today Trento

si ringrazia ACEC Triveneta

Harmonia (TRAILER)

Dir. Ori Sivan
2016 | 98 min | Narrative
US PREMIERE

Unearthing the metaphoric roots of the conflict, Harmonia is a modern adaptation of the biblical love triangle between the childless Abraham and Sarah and the young Hagar. Sarah, a harpist in a Jerusalem-based orchestra, is married to Abraham (Alon Aboutboul), the charismatic conductor. When Hagar, a young horn player, joins the orchestra, a friendship develops between the two women. Hagar, sympathizing with Sarah’s pain, offers to have a baby for her.

OPENING NIGHT: THU, DEC 1, 7 PM @ JCC MANHATTAN
FRI, DEC 2, 10 AM @ JCC MANHATTAN
SUN, DEC 4, 6:30 PM @ JCC HARLEM

Visit otherisrael.org/films to purchase tickets.

 

CultureBuzz – Israel

Ori Sivan new film ‘Harmonia’, screening this days in film festivals around the world, is a biblical adaptation to the story of Sarah, Abraham, Hagar, Yitzhak and Ismail from the book of Genesis, set in a world of a philharmonic orchestra in present Jerusalem.

Sarah, the morose harpist of the Jerusalem Philharmonic Orchestra, is married to Abraham, the almighty conductor. They have no children. When Hagar, a young horn player from East Jerusalem joins the Western Side Orchestra, Sarah’s world erupts. The unique friendship evolves when Hagar offers Sarah to have a baby for her from Abraham. The well-known biblical story of the 2 sons, that metaphorically represents the roots of the conflict between the 2 peoples, receives a new and emotional perspective.

Harmonia, featuring: Alon Abutbul as Abraham, Tali Sharon as Sarah, יאנה יוסף – Yana Yossef as Hagar and Ali Suliman – علي سليمان Daod

For more information: http://buff.ly/2lQp7sU

ilnestrosesansespine.blogspot.com/2018/05/

DISTRATTI ❗️🙈🙉🙊

Mi piace pensare che l’essenziale è quel grido che nasce dal profondo e quel cielo aperto sopra ogni chiesa piegata al vento.

LeggiAmo la Bibbia

VANGELO DI MARCO 9,30-37

In quel tempo, Gesù, e i suoi discepoli attraversavano la Galilea, ma egli non voleva che alcuno lo sapesse. Insegnava infatti ai suoi discepoli e diceva loro: «Il Figlio dell’uomo viene consegnato nelle mani degli uomini e lo uccideranno; ma, una volta ucciso, dopo tre giorni risorgerà». Essi però non capivano queste parole e avevano timore di interrogarlo.
Giunsero a Cafàrnao. Quando fu in casa, chiese loro: «Di che cosa stavate discutendo per la strada?» Ed essi tacevano. Per la strada infatti avevano discusso tra loro chi fosse più grande. Sedutosi, chiamò i Dodici e disse loro: «Se uno vuole essere il primo, sia l’ultimo di tutti e il servitore di tutti». E, preso un bambino, lo pose in mezzo a loro e, abbracciandolo, disse loro: «Chi accoglie uno solo di questi bambini nel mio nome, accoglie me; e chi accoglie me, non accoglie me, ma colui che mi ha mandato».

DISTRATTI

Letteralmente…

View original post 682 altre parole

“La Bibbia è un libro pieno di vento e di strade…🔥 Spirito 🔥Santo, Tu che porti avanti la Chiesa, scendi ancora su di noi, insegnaci l’unità, rinnova i nostri cuori e aiutaci ad amare come Gesù ci ha insegnato. 🔥

Buona Pentecoste amici con le parole di Giovanni Vannucci.

“Passi il tuo Spirito, o Signore,
come brezza primaverile
che fa fiorire la vita e schiude l’amore.
Passi il tuo Spirito, come l’uragano
che scatena una forza sconosciuta
e solleva le energie addormentate.
Passi il tuo Spirito
nel nostro sguardo
per portarlo verso orizzonti
più lontani e più vasti.
Passi il tuo Spirito
sui nostri volti rattristati
per farvi riapparire il sorriso”.

https://www.romena.it/rubriche/il-vangelo-della-domenica.html

LeggiAmo la Bibbia

Spirito Santo scendi su di noi 🙏🏻🌈Veglia di Pentecoste all’Oasi San Giacomo Vago di Lavagno Vr.🔆

Spirito Santo, Tu che porti avanti la Chiesa, scendi ancora su di noi, insegnaci l’unità, rinnova i nostri cuori e aiutaci ad amare come Gesù ci ha insegnato.

Papa Francesco

Il #Vangelo di oggi:

“Quando verrà il Paràclito, che io vi manderò dal Padre, lo Spirito della verità che procede dal Padre, egli darà testimonianza di me; e anche voi date testimonianza, perché siete con me fin dal principio. Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future. Egli mi glorificherà… “

(da Gv 15, 26-27; 16, 12-15)

Il commento di Ermes Ronchi:

“La…

View original post 960 altre parole

Dal Diario di Etty Hillesum…

lanottoladiminerva.blogspot.com/2016/02/io-e-dio

“Questo è ciò che ogni giorno mi insegna daccapo: che bisogna rimanere aperti, che non ci si deve chiudere in se stessi nei momenti più bui, nè affondare in essi pensando che sia un giorno perso, triste. Nella mia vita mi rendo conto che ci sono centinaia di svolte in una giornata, centinaia di sorprese, una veduta improvvisa, un senso di inclusione, ecc..”

Etty Hillesum

Se uno sogna da solo, è solo un sogno. Se molti sognano insieme, è l’inizio di una nuova realtà.

Se uno sogna da solo, è solo un sogno. Se molti sognano insieme, è l’inizio di una nuova realtà.

Friedensreich Hundertwasser

nome completo:

Friedensreich Regentag Dunkelbunt Hundertwasser

Per la strada vidi una ragazzina che tremava di freddo, aveva un vestitino leggero e ben poca speranza in un pasto decente. Mi arrabbiai e dissi a Dio: “Perché permetti questo? Perché non fai qualcosa?” Per un po’ Dio non disse niente. Poi improvvisamente, quella notte rispose.

“Certo che ho fatto qualcosa: Ho fatto te.”

– padre Anthony de Mello –

Vedi anche:

girobloggando.wordpress.com/2018/05/17/la-via-del-guerriero-di-pace/

girobloggando.wordpress.com

– padre Anthony de Mello –

By leggoerifletto

La fune sospesa sull’abisso

I discepoli di Baal Shem un giorno chiesero: “Rabbi caro, dicci come dobbiamo servire Dio”. Egli rispose: “Come faccio a saperlo?”… poi raccontò loro l’episodio seguente:

Un re aveva due amici che furono dichiarati colpevoli di un delitto e condannati a morte. Pur amandoli, il re non osò graziarli per timore di dare cattivo esempio al suo popolo, perciò emise il seguente verdetto: “Si stenda una fune attraverso un burrone profondo e ciascuno dei condannati vi cammini sopra, verso la libertà, o verso la morte, nel caso di caduta”. Il primo riuscì ad arrivare sano e salvo dall’altra parte, l’altro allora gli gridò: “Amico dimmi come hai fatto”. E quello di rimando: “Che ne so? Ogni volta che pendevo da una parte, mi inclinavo verso quella opposta”.

– Padre Anthony de Mello –

Da: The prayer of the frog Gujarat Sahitya Prakash, Anand 1988, India Traduzione dall’inglese di Adria Marconi-Pedrazzi, ed. Paoline

Non cambiare – padre Antony De Mello

Per anni sono stato un nevrotico. Ero ansioso, depresso ed egoista. E tutti continuavano a dirmi di cambiare. E tutti continuavano a dirmi quanto fossi nevrotico.
E io mi risentivo con loro, ed ero d’accordo con loro, e volevo cambiare, ma non ci riuscivo, per quanto mi sforzassi.
Ciò che mi faceva più male era che anche il mio migliore amico continuava a dirmi quanto fossi nevrotico. Anche lui continuava a insistere che cambiassi.
E io ero d’accordo anche con lui, e non riuscivo ad avercela con lui. E mi sentivo cosi impotente e intrappolato.
Poi, un giorno, mi disse: «Non cambiare. Rimani come sei. Non importa se cambi o no. Io ti amo così come sei; non posso fare a meno di amarti».
Quelle parole suonarono come una musica per le mie orecchie: «Non cambiare. Non cambiare. Non cambiare… Ti amo».
E mi rilassai. E mi sentii vivo. E, oh meraviglia delle meraviglie, cambiai!
Ora so che non potevo cambiare davvero finché non avessi trovato qualcuno che mi avrebbe amato, che fossi cambiato o meno.
È così che mi ami, Dio?

– padre Anthony de Mello –

Fonte: Il canto degli uccelli., ed. Paoline
anthony-de-mello-biografia

Nessuno può sostituirsi a te

Un discepolo una volta si lamentava con il maestro: “Ci racconti delle storie, ma non ci sveli mai il loro significato”.

Il maestro disse: “Che ne diresti se qualcuno ti offrisse un frutto e lo masticasse prima di dartelo?”.

Nessuno può sostituirsi a te per trovare il tuo significato. Neppure il maestro.

– padre Anthony de Mello –

Fonte: Il canto degli uccelli, ed. Paoline

Un discepolo andò dal suo maestro e disse, astioso:

 “Tu mi nascondi il segreto ultimo della contemplazione!”.

“Nient’affatto”, rispose il maestro.

“E invece sì!”, ribadì l’allievo, e si allontanò risentito.

Capitò che i due si ritrovarono camminando all’alba ai piedi della montagna e udirono un uccello cantare al primo giorno.

Il maestro chiese: “Hai sentito l’uccello cantare?”.

L’allievo rispose: “Si. L’ho sentito”.

Il maestro rispose: “Adesso sai che non ti ho nascosto nulla”.

– Padre Anthony de Mello – 

Fonte:  Dove non osano i polli

L’aquila che si credeva un pollo – Padre Anthony De Mello

Un uomo trovò un uovo d’aquila e lo mise nel nido di una chioccia.
L’uovo si schiuse contemporaneamente a quelli della covata e l’aquilotto crebbe insieme ai pulcini.
Per tutta la vita l’aquilotto fece quel che facevano i polli nel cortile, pensando di essere uno di loro.
Frugava il terreno in cerca di vermi e insetti, chiocciava e schiamazzava, scuoteva le ali alzandosi da terra di qualche decimetro.
Trascorsero gli anni e l’aquila divenne molto vecchia.
Un giorno vide sopra di sé, nel cielo sgombro di nubi, uno splendido uccello che planava, maestoso ed elegante, in mezzo alle forti correnti d’aria, muovendo appena le robuste ali dorate.
La vecchia aquila alzò lo sguardo, stupita. “Chi è quello?”, chiese.
“E’ l’aquila, il re degli uccelli”, rispose il suo vicino. “Appartiene al cielo. Noi invece apparteniamo alla terra, perché siamo polli”.
E così l’aquila visse e morì come un pollo, perché pensava di essere tale.

– padre Anthony de Mello –

fonte: “Messaggio per un’aquila che si crede un pollo” (1990)

Come qualcuno ha detto una volta:

 “Per ottenere la pace del cuore, dimettetevi dall’incarico di direttore generale dell’universo”. 
Non sono il direttore generale, ma faccio quello che posso. 
Mi immergo e il risultato dipende da Dio, dalla vita, dal destino.

 Padre Anthony De Mello 

Da: Messaggio per un pesciolino che ha sempre sete, EditorePiemme

In che modo pensate che la maggior parte delle persone trascorra la vita? Cercando di fare buona impressione, ecco come. 
Assicurandosi di non essere criticata. Tentando di affermarsi. Mi chiedo quanti siano gli essere umani che non sono ossessionati da queste cose, per ventiquattro ore al giorno, consapevolmente o meno. 
Pochissimi, oserei dire. Qual è la conseguenza? Che pochissimi vivono davvero.

– Padre Anthony De Mello 

Da: Messaggio per un pesciolino che ha sempre sete, EditorePiemme

Buona giornata a tutti. 🙂

www.leggoerifletto.it

🙂

Pubblicato da Giu Ma 

ilnestrosesansespine.blogspot.com/2016/11

case con la porta aperta…

giro blogando nel Web...

” A volte per me le persone sono come case con la porta aperta…ogni casa è arredata in modo un po’ diverso ma in fondo è uguale alle altre, di ognuna si dovrebbe fare una dimora consacrata a te ”

Etty Hillesumwww.romena.it

Conta solo l’amore…

“All’uomo non servono accumuli di parole – dice don Luigi – gli basta un pezzo di pane, un po’ d’affetto e un luogo dove sentirsi a casa, dove qualcuno ti ascolta, ti abbraccia, ti bacia. Nessuno potrà spiegarti o toglierti il dolore, la morte, le piaghe della cattiveria umana.

Conta solo l’amore …

Don Luigi Verdi

Durante il terzo corso Wolfgang ha suggerito tre simboli da mettere nella bisaccia e da farsi bastare per poter camminare nella propria vita:

il senso di appartenenza alla famiglia umana, un luce come direzione e speranza, e un pezzo di pane.

Wolfgang Fasser

iPhone GiuMa 504www.romena.it

View original post

Le nostre ferite sono spesso le aperture nella parte migliore e più bella di noi.

#BuongiornoRomena con le parole di David Richo:

Le nostre ferite sono spesso le aperture nella parte migliore e più bella di noi

#buongiornoromena

Durante il terzo corso Wolfgang ha suggerito tre simboli da mettere nella bisaccia e da farsi bastare per poter camminare nella propria vita: il senso di appartenenza alla famiglia umana, un luce come direzione e speranza, e un pezzo di pane.

Wolfgang Fasser