Un germoglio spunterà

Un germoglio spunterà dal tronco di Iesse,
un virgulto germoglierà dalle sue radici.
Su di lui si poserà lo spirito del Signore,
spirito di sapienza e di intelligenza,
spirito di consiglio e di fortezza,
spirito di conoscenza e di timore del Signore.
Isaia 11,1-2

Vieni, vieni chiunque tu sia, sognatore, devoto, vagabondo, poco importa. Vieni ...

MARTEDÌ3 DICEMBRE 2019 alle ORE 21 VIDEOCONFERENZAin DIRETTA STREAMING da TERZELLI sul tema ““(Is 11,1- Mt 3,1-12).A cura della Parrocchia dell’Invisibile.

Il brano e video consigliato è “Aria di cambiamento” scritta da Franco Battiato e Juri Camisasca e interpretata dal Biagio Antonacci.Acura diSauro Secci.

Aria di cambiamento

www.terradelsanto.it/it/nuove-videoconferenze

View original post

La forza della vita… 💗🎄💗

Considero valore ogni forma di vita,
la neve, la fragola, la mosca.
Considero valore il regno minerale, l’assemblea delle stelle.
Considero valore il vino finché dura il pasto,
un sorriso involontario, la stanchezza di chi non si é risparmiato,
due vecchi che si amano.
Considero valore quello che domani non varrá piú niente,
e quello che oggi vale ancora poco.
Considero valore tutte le ferite.
Considero valore risparmiare acqua,
riparare un paio di scarpe,
tacere in tempo,
accorrere a un grido,
chiedere permesso prima di sedersi,
provare gratitudine senza ricordarsi di che.
Considero valore sapere in una stanza dov’é il nord,
qual’é il nome del vento che sta asciugando il bucato.
Considero valore il viaggio del vagabondo,
la clausura della monaca,
la pazienza del condannato, qualunque colpa sia.
Considero valore l’uso del verbo amare
e l’ipotesi che esista un creatore.
Molti di questi valori non ho conosciuto.’
Erri De Luca

giro bloggando ...

https://youtu.be/0o6zza76pDg

Abbi cura di me

Dedicata a tutti gli operatori sanitari “dai medici infermiere/i e assistenti” che lavorano con passione ed amore nei pronto soccorso degli ospedali 💗

La forza della vita

La forza della vita”è un brano diPaolo Vallesidel1992. Inclusa nell’omonimo album, la canzone, è stata scritta in collaborazione con il paroliereBeppe Datie presentata al42°Festival di Sanremo. Alla kermesse musicale il brano si piazza terzo dietro aMia Martinicon“Gli uomini non cambiano”ed aLuca Barbarossache vince con“Portami a ballare”. Il 1992 rappresenta anche l’esordio tra i“Big”del festival per Vallesi che l’anno precedenteaveva vinto la categoria giovani con“Le persone inutili”. “La forza della vita”, fin dalla prima esecuzione, riscuote l’apprezzamento di critica e pubblico lanciando definitivamente Paolo Vallesi nel mondo della discografia di qualità. Infatti il brano regalerà all’autore…

View original post 339 altre parole

Un giorno troverò certamente le mie parole, o, meglio, le mie parole forse un giorno troveranno me; la mia esperienza un giorno incontrerà le parole che la libereranno. Non riesco a scrivere, ma riesco di certo a vivere

Il registro della Croce Rossa riporta la data del 30 novembre 1943 per la morte di Etty Hillesum. Oggi riviviamo così questo suo bel sentire

“…Mi è venuto d’un tratto in mente che le cose stanno realmente così. Infatti non ho probabilmente il talento per scrivere; ho solo il talento, se così lo si può chiamare, di fare esperienza di tutto quello che in questa nostra vita umana è possibile vivere e sentire e subire, e non solo a mio modo, ma anche come molti altri. I vizi più grandi non mi sono sconosciuti, ma conosco anche la più grande fiducia in Dio e lo spirito di sacrificio e l’amore per l’umanità. E faccio esperienza di tutto, corpo e anima, attraverso il sangue e l’oscurità, in ogni angolo del mio essere……. Faccio esperienza delle persone e anche della loro sofferenza. E da quell’esperienza, forse, un giorno si faranno strada a fatica le parole che dovrò dire, e che sgorgano da una sorgente talmente vera che dovranno trovare la loro via. Saranno forse parole molto impacciate, ma vorranno essere dette. Ho anche paura di una certa facilità nella scrittura. Credo di poterlo fare, ma è come se opponessi resistenza perché non riuscirei comunque a toccare le cose che contano davvero. Un giorno troverò certamente le mie parole, o, meglio, le mie parole forse un giorno troveranno me; la mia esperienza un giorno incontrerà le parole che la libereranno. Non riesco a scrivere, ma riesco di certo a vivere. ”


Ciao Etty, oggi è il 30 novembre 2019.

I miei giorni continuano a essere pieni di te. Dei tuoi sguardi. Dei tuoi pensieri.

Ripenso a Francesca a cui oggi ho regalato il tuo Diario. Ha compiuto 18 anni giovedì, volevo farle un ragalo speciale. Un regalo per la vita. Forse non ti leggerà subito. Ma verrà il tempo. Ne sono certa. Tornando a casa, pensavo a lei e a te. In sottofondo Secret garden di Bruce Springsteen. Davanti agli occhi il Rosa nell’ultima luce del giorno. Nel cuore il pensiero di ciò che si è compiuto per te, ad Auschwitz, il 30 novembre del ’43. E di ciò che straordinariamente sei riuscita a vivere nella quotidianità di quegli anni, a contatto con quell’orrore. Sono passati 76 anni. Ma sei viva. Lo penso tra le lacrime, ma ne sono certa, sei viva. Straordinariamente viva. Viva in me e in tutti quelli che hanno avuto la fortuna di incontrarti attraverso le tue pagine. Vivi di cuore, in cuore. Di mano in mano. La rivoluzione del tuo sguardo è necessaria e presente.

Valentina

#ettyhillesum #30novembre1943 #Auschwitz #ricerca

L’uomo che piantava gli alberi.

L’uomo che piantava gli alberi_le basi scientifiche del racconto

“…un posto
dove si aveva voglia
di abitare”.

giro bloggando ...

Da PERSONA E COMUNITA’.:

L’uomo che piantava gli alberi. Jean Giono e Hans …

Un ideale parallelismo tra il racconto poetico di Jean Giono, “L’uomo che piantava gli alberi” e “l’etica del futuro” di Hans Jonas.

Post di Rossana Rolando

Immagini tratte dal film d’animazione di Frédérick Back (riportato in fondo).

“Perché la personalità di un uomo riveli qualità veramente eccezionali,

bisogna avere la fortuna di poter osservare la sua azione nel corso di lunghi anni.

Se tale azione è priva di ogni egoismo, se l’idea che la dirige è di una generosità senza pari,

se con assoluta certezza non ha mai ricercato nessuna ricompensa

e per di più ha lasciato sul mondo tracce visibili,

ci troviamo allora, senza rischio d’errore, di fronte a una personalità indimenticabile”

L’uomo che piantava
gli alberi

L’uomo che piantava gli alberi di Jean Giono comunica, nella forma narrativa di una parabola laica e…

View original post 820 altre parole

Vivi questa giornata come se fosse la prima, l’ultima, l’unica! O adesso o mai più!

“A volte vorrei rifugiarmi con tutto quel che ho dentro in un paio di parole. Ma non esistono ancora parole che mi vogliano ospitare. E’ proprio così. Io sto cercando un tetto che mi ripari ma dovrò costruirmi una casa pietra su pietra. E così ognuno cerca una casa, un rifugio per sè. E io mi cerco sempre un paio di parole.”

Etty Hillesum – Diari

” Credo che sia soprattutto la paura di sprecarsi a sottrarre alle persone le loro forze migliori. Se dopo un laborioso processo che è andato avanti giorno dopo giorno, riusciamo ad aprirci un varco fino alle sorgenti originarie che abbiamo dentro di noi…

e se poi facciamo in modo che questo varco rimanga sempre libero ‘lavorando’ a noi stessi, allora ci rinnoveremo in continuazione e non avremo più da preoccuparci di dar fondo alle nostre forze ”

‘Se non ora quando’ potrebbe essere l’espressione di Isaia, di Paolo, di Gesù all’inizio di questo nuovo mettersi in cammino vicendevole tra noi e Dio.

Ci vuole un vestito apposta, un vestito che sprigioni luce. Lasciamo da parte per un po’ lamenti, piagnistei sui questi tempi. Basta piangersi addosso. Poniamo gesti che gettino semi per il futuro. Semi di luce. Germoglieranno.

Ogni giorno al risveglio decidiamo che abito indossare: fermati un istante e decidi anche che vestito metterai ai tuoi occhi: di luce o di buio, colorato o grigio.

In alcune sacrestie c’è questa scritta: celebra la messa come fosse la prima, l’ultima e l’unica: sarebbe da mettere questa scritta sullo specchio del lavandino dove ti lavi ogni mattino: vivi questa giornata come se fosse la prima, l’ultima, l’unica! O adesso o mai più!

Ogni guerriero della luce ha avuto paura di affrontare un combattimento.

Ogni guerriero della luce ha tradito e mentito in passato.

Ogni guerriero della luce ha imboccato un cammino che non era il suo.

Ogni guerriero della luce ha pensato di non essere guerriero della luce.

Ogni guerriero della luce ha mancato ai suoi doveri spirituali.

Ogni guerriero della luce ha ferito qualcuno che amava.

Perciò è un guerriero della luce: perché ha passato queste esperienze, e non ha perduto la speranza di essere migliore. (Paulo Coelho)

L’avvento forse è un tempo per sognare qualcosa di nuovo, per decidere di vivere nella luce: insieme?

da Fra Giorgio 27 Novembre 2016

“Terra del Santo” 🙏🏻Da🌈Terzelli la Parrocchia dell’invisibile

l’immaginazione è più importante della conoscenza.

Vieni, vieni chiunque tu sia, sognatore, devoto, vagabondo, poco importa. Vieni ...

https://terradelsanto.it/it/videoconferenza/mt-2437-44-delle-loro-lance-faranno-falci-24

terradelsanto.it/it/festa-di-santandrea-terzelli

con Luca Buccheri e Monica Rovatti

🌲🙏🏻🎄🙏🏻🌲🙏🏻🎄🙏🏻

28 DICEMBRE – 2 GENNAIO 2020 

ACCOGLIENZA SEMPLICE A TERZELLI.

Un tempo per ricentrarsi sulla spiritualità e sulla condivisione

Il tempo natalizio di passaggio tra gli anni è un’occasione per ritrovare spazi e tempi più dilatati di silenzio, riflessione e condivisione. Alterneremo tempi di lavoro e di spiritualità, in stile fraterno e autogestito. 

Sono le prime “aperture” della casa dove Luca abita, appena ristrutturata, che volentieri affidiamo alla cura, attenzione e collaborazione di chi verrà ad abitarla in quei giorni. Abbiamo ristretto il periodo di accoglienza al 2 gennaio, non avendo ancora le forze per tenere aperta l’accoglienza per periodi troppo prolungati. 

La nostra casa di Terzelli offre non molti posti letto, e richiedono il sacco a pelo + lenzuola singole per la notte. Portate anche i vostri effetti personali, asciugamani, phon ecc., abiti da lavoro, una Bibbia, un quaderno e scarpe adatte a…

View original post 44 altre parole