En cualquier lugar

November Rain

lalysoler.wordpress.com/2019/11/02/en-cualquier-lugar

da nessuna parte
…in questo modo
ovunque

Si allontanarono da lì, un giorno grigio, di primavera.Scesero a sudCon la sua giovinezza nella borsa a tracolla.

Con i loro sogni sulle spalle attraversarono la collina,Le vecchie querce le videro andare via.

"Ovunque ...!Ovunque, seguendo altri passi,La strada non finisce nella quercia ”

Pochissimi sono tornatiDomani andrò con loroPer cercare il mare.

Me ne vado, dico addio angoli in cui sono cresciutoLascio la canzone grigia in un cassettoDa quello che sono stato ...

Sto andando in un'altra terra, dove il sole caldo,lontano dalla mia genteE la quercia

España.
Joan Manuel Serrat.

Se alejaron de allí, un día gris, de Primavera.
Bajaron hacia el sur,
Con su juventud en bandolera.

Con sus sueños al hombro cruzaron la colina,
Las viejas encinas, los vieron marchar.

“¡A cualquier parte..!
En cualquier lugar, siguiendo otras pisadas,
El camino no acaba en el encinar”

Volvieron muy pocos de aquellos
Mañana yo me iré con ellos
A buscar el mar.

Me voy, os digo adiós rincones donde he crecido
Os dejo en un cajón la gris canción
De lo que he sido…

Me voy hacia otra tierra, en donde el sol caliente,
lejos de mi gente
Y del encinar

View original post

Non posso credere in un Dio che non sia felice anche quando io sono felice senza di Lui

20191101_BAV_Vat.sir.559_0190_fa_0093v_tutti-i-santi.jpg

Solennità di Ognissanti, la festa del cielo

Il giorno di Ognissanti è una solennità in cui la Chiesa celebra insieme la gloria e l’onore di tutti i Santi, che contemplano eternamente il volto di Dio e gioiscono appieno di questa visione. A noi fedeli questa giornata insegna a guardare a coloro che già possiedono l’eredità della gloria eterna

Festa liturgia Ognissanti

Vieni, vieni chiunque tu sia, sognatore, devoto, vagabondo, poco importa. Vieni ...

Buongiorno mondo! Per prima cosa auguri a tutte e a tutti, come usa in questa festa di Ognissanti. La liturgia, nella festa odierna, fa risuonare le sublimi parole delle Beatitudini, ossia lo stile di vita nuovo proposto da Gesù a tutti coloro che vogliono camminare con Lui sulle strade del mondo. Poi succede, come spesso succede, che anche le Beatitudini (che qui non posso commentare per ovvii motivi) finiscano nel tritacarne della spiritualizzazione, nel miscelatore della spiritualità del merito, perdendo così la forza e la novità portata e vissuta da Gesù stesso. Lo stile di vita proposto da Gesù in questa “magna charta” del cristianesimo ricorda in primo luogo che il Padre condivide con noi il desiderio della felicità: Beati! Non esiste per Gesù un dio geloso della nostra felicità, anzi è proprio il contrario. Anni fa un monaco belga che viveva nel Sahara mi disse queste parole che segnarono…

View original post 232 altre parole

Non sempre le nuvole offuscano il cielo: a volte lo illuminano”

Nessuna descrizione della foto disponibile.

1 novembre. festa di tutti i santi,
festa e ricordo di quanti, uomini e donne,
hanno vissuto sulla terra
rendendo questo mondo
più bello, più buono di come l’hanno trovato:
hanno seminato fiducia, speranza, amore
senza essere paralizzati dal male
che hanno visto e sofferto!
Tweet di Enzo Bianchi del 31 ottobre 2019

giro bloggando ...

Breve racconto di Elsa Morante  
Le nuvole

Le nuvole rotte e inseguite correvano alla deriva nell’avanzata di un vento rinfrescante che sembrava spalancare le strade e i viali.
Era come se al suo passaggio delle porte immense si aprissero sbattendo per tutto lo spazio e fino oltre il cielo.
Non sempre le nuvole offuscano il cielo: a volte lo illuminano, dipende dal loro movimento e dal loro peso. 
La zona del sole era.
 tutta libera, e il suo riverbero scavava nelle nuvole più vicine precipizi e grotte di luce, che poi si rompevano percosse da nuove ondate.

“Non sempre le nuvole offuscano il cielo, a volte lo illuminano.”

Elsa Morante, La storia

https://ilmestieredileggereblog.com/2016/12/03/non-sempre-le-nuvole-offuscano-il-cielo-a-volte-lo-illuminano/amp/

View original post

“La vita è un pezzetto di tempo per imparare ad amare”

Non saprei da dove cominciare, non credo di aver mai assistito ad una lezione sull’amore come ieri sera!

“La vita è un pezzetto di tempo per imparare ad amare” e Gigi è riuscito a condensare in una serata tutto quello che ha imparato e l’ha donato, come facevano i contadini nel momento della semina, con abbondanza.

Tutti sappiamo qualcosa sull’amore e tutti abbiamo bisogno che qualcuno ce lo ricordi, che ci aiuti a ricomporre i pezzi del nostro puzzle, che ci indichi con passione la strada, che ci guarisca il cuore.

Mi colpiscono sempre le parole del testamento di don Milani: “Ho amato più voi che Dio, ma ho la speranza che lui non stia attento a queste sottigliezze”: se Dio è amore, ogni volta che lo vivo Dio mi abita, ogni volta!

In questo tempo di ‘troppa roba’, di incapacità a darci confini, ad apprezzare quello che c’è, quel “fattelo bastare” è un compito da vivere ogni volta che ti trovi di fronte a qualcosa di bello come il volto di un bimbo, a qualcosa di naturale come un albero, a qualcosa di infinito come il mare…

Dopo la sua morte, Gesù ha una sola parola da dire ai suoi amici: “ricominciamo!”

E allora anche se stamane il cielo piange, se una ferita ancora sanguina, se il buio sembra vincere sulla luce, ricominciamo insieme e facciamo nostre le parole di Ungaretti e dipingiamole sul nostro volto: “la parola amore è anche la parola luce”

fra Giorgio

NB.

🍀POST🌹Con ⭐️dedica… 💗🌟

noncerosasenzaspine.files.wordpress.com/2019/10

🌻Auguri ⭐️Giulia 🌹💗🍀

🎶🎼🎵Tanti Auguri alla mia 💗⭐️Orsa Maggiore🍀💗🌹

⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️ ⭐️⭐️⭐️

🌟🌟🌟🌟🌟🌟🌟🌟🌟🌟

💗🌹Anche alla 🌻mamma Isabella 🌹🌹🌹🌹

Le nostre ferite sono spesso le aperture nella parte migliore e più bella di noi.

Durante il terzo corso Wolfgang ha suggerito tre simboli da mettere nella bisaccia e da farsi bastare per poter camminare nella propria vita: il senso di appartenenza alla famiglia umana, un luce come direzione e speranza, e un pezzo di pane.

girobloggando.com/2019/09/28/invisibile-agli-occhi/

Non un crocifisso ma il vuoto,

il risorto, l’infinito.

Unica eredità:

l’oro nelle ferite.

Gigi Verdi

L’Oro nelle ferite

Le nostre ferite sono spesso le aperture nella parte migliore e più bella di noi.
David Richo

Le ferite. Questo modo che hanno alcune di esse di farsi vento e aprire le tende su un mondo nuovo.
Fabrizio Caramagna

Quando i giapponesi riparano un oggetto rotto, valorizzano la crepa riempiendo la spaccatura con dell’oro. Essi credono che quando qualcosa ha subito una ferita ed ha una storia, diventa più bello.

https://it.m.wikipedia.org/wiki/Kintsugi

non c'è rosa senza spine By GiuMa

#BuongiornoRomena con le parole di David Richo:

Le nostre ferite sono spesso le aperture nella parte migliore e più bella di noi

#buongiornoromena

Durante il terzo corso Wolfgang ha suggerito tre simboli da mettere nella bisaccia e da farsi bastare per poter camminare nella propria vita: il senso di appartenenza alla famiglia umana, un luce come direzione e speranza, e un pezzo di pane.

Wolfgang Fasser

View original post