Romena 🌿 Giovedì Santo, Pasqua 2021

youtube.com/watch

Ognuno è alla ricerca: di un po’ di pane, un po’ di affetto e di sentirsi a casa da qualche parte…

LUIGI VERDI

(Il video sarà attivo dalle 21,00)

#giovedìsanto Fraternità di Romena Onlus

A cena con te,

per ricordarci che quando ami sai anche essere il più fragile.

A cena con te,

per spezzare il pane e ricordarci che la vita va condivisa e consumata.

A cena da te,

per salvare la tenerezza

(don Luigi)

Giovedì santo: Gv 13,1-15 – Li amò sino alla fine

ROMENA

“siete tutti fratelli” (Mt 23,8)

“Manda il tuo pane sopra i monti delle acque” (Qo 11,1). Impressioni di un lettore sul libro del Qoèlet
con Erri De Luca

🦋LeggiAmo 🦋i libri che ho letto / leggerò🦚promemoria🦚

“siete tutti fratelli”:

è questo il titolo dell’edizione 2021 del Festival Biblico che, riprendendo parte delle parole di Gesù attestate nel Vangelo di Matteo, pone al centro del proprio percorso la fratellanza universale. Un tema che – come ha fatto papa Francesco ispirandosi a Francesco d’Assisi con l’enciclica Fratelli tutti sulla fraternità e l’amicizia sociale – è oggi particolarmente significativo e necessario sottolineare.

Nelle cosiddette culture occidentali il tema della fratellanza – uomini e donne, fratelli e sorelle – sembra non essere nuovo, ma oggi esso non è scontato. Non si può infatti non osservare come ai nostri giorni lafraternitàe lafratellanzauniversali, così spesso retoricamente affermate, nell’effettività di tante vite risultino spesso marginali e irrilevanti, se non assenti.

Dei tre elementi emblematicamente proclamati dalla rivoluzione francese (libertà, uguaglianza, fraternità), elementi non esenti anche da echi biblici e cristiani pur secolarizzati, la fratellanza non ha avuto…

View original post 721 altre parole

LIBERA

Monastero San Magno

Taize – Instrumental Full Album – Lagu Rohani Pengantar Tidur Terbaru

PER ASPERA AD ASTRA

PER ASPERA AD ASTRA – SECONDA NOTTE

Per aspera ad astra oppure Per aspera sic itur ad astra è una frase latina, spesso usata quale motto o incitazione, che significa letteralmente: «attraverso le asperità sino alle stelle». 

Seconda serata: PER ASPERA AD ASTRA
un pensiero e un gesto prima di andare a dormire, o per chi inizia il lavoro, per altri che amano restare svegli nella notte o non riescono a dormire.
Troverete i video sulla nostra pagina Facebook e il nostro canale YuoTube.
Un piccolo gesto di amicizia verso tutti voi per respirare assieme il profumo della Resurrezione che verrà.

Monastero San Magno

Taize – Instrumental Full Album – Lagu Rohani Pengantar Tidur Terbaru

Alberto Maggi a “Romena in diretta” mercoledì 31, ore 18

 “UN ERETICO IN CORSIA”- storia di Padre Alberto Maggi

un modo per cominciare a conoscerlo……
vediamo il film, “Un eretico in corsia”
https://youtu.be/MedbkrgkC1k

Preghiera

Non aver paura
di guardarti dentro,
scoprirai che l’amore
è a un passo.

Non aver paura
di guardarmi negli occhi,
io raccoglierò la sofferenza
delle tue inquietudini
e la tua incompiuta
purificazione di luce.

Non aver paura
della paura,
io raccoglierò le tue
durezze affamate
di dolcezza,
i tuoi pianti imbevuti
di miracoli.

Non aver paura,
io benedirò la tua misericordia
quando si fa abbraccio,
la tua pietà quando
si fa tenera,
il tuo dolore quando
si fa pane.

Non aver paura,
ci sarà pace anche
per il tuo cuore ribelle,
poiché il mio cuore
è a casa solo accanto al tuo.

don Luigi Verdi

Prendi il largo

maggi_albertoE’ una delle figure più aperte, una delle voci più libere e liberanti della Chiesa.
Alberto Maggi domani pomeriggio, ore 18, sarà ospite di “Romena in diretta”, sul canale Youtube di Romena (questo il link ). Risponderà alle mie e domande e a quelle di chi vorrà interpellarlo su questi giorni di preparazione alla Pasqua, ma anche sulla sua visione di questo periodo di pandemia.

Frate nell’Ordine dei servi di Maria, Padre Alberto vive preso il convento di Montefano (Ancona) dove ha fondato insieme a padre David Ricardo, il centro di studi Giovanni Vannucci. E’ un teologo ed un appassionato divulgatore della Bibbia, soprattutto dei Vangeli.

Ad Alberto è stato recentemente dedicato un film, “Un eretico in corsia” nel quale viene raccontata la sua storia in relazione a una fase particolare della sua vita, durante la quale è stato per mesi in ospedale, in bilico tra la vita e la…

View original post 14 altre parole

Non è andata così …

https://t.co/GapAwGTEH1?amp=1
Non è andata di Fond. Erri De Luca
Si andava alle alture di Gerusalemme per il pellegrinaggio di Pasqua cantando i 15 salmi delle salite. Le Pasque ebraiche dell’epoca si svolgevano sotto occupazione militare romana.Erano amare, le feste della liberazione dalla servitù egiziana si celebravano da oppressi sotto altra servitù. Intorno alla tavola i commensali ripetevano e ripetono ancora: ”Quest’anno servi, l’anno prossimo […]

Leggi il resto dell’articolo

Il profumo di nardo.

Il profumo dell’attesa: Tiziana Bonora

I giorni della tenerezza - Angelo Casati - copertina

(dal libro, I giorni della tenerezza, Edizioni Romena)

Fra Giorgio

Oggi voglio condividere con voi queste parole che profumano di Tenerezza infinita.

Ad ognuno oggi essere Maria di Betania, e provare a sprecare amore. Stasera il mondo sarà migliore, sicuramente!
Eccoti le mie parole che raccontano il cuore di Maria.

Gesù mio, io amo i tuoi piedi. Se c’è un posto dove avrei desiderato trascorrere l’intera mia vita è lì, accucciata ai tuoi piedi, accarezzandoli con le mie mani, baciandoli con le mie labbra, cullandoli con i miei occhi. Piedi sempre in movimento, piedi che ti hanno portato sulla strada di ogni uomo, senza dimenticare alcuno.
E’ lì che mi sono rifugiata la prima volta, in ascolto delle tue parole per me, per tutti, e lì mi sono stesa, stringendo al petto il mio alabastro col nardo prezioso conservato in tutta una vita.
Io la sentivo, la mia carne sentiva la tua fremere, e così che ho deciso che quello era il momento. Tutto il mio profumo, come volessi inondare il mondo intero, senza risparmiarne una goccia, abbondanza d’amore: sparso, donato ai tuoi piedi stanchi, sfiduciati…i piedi del mio Gesù.
E Giuda, il tuo amico, subito a calcolarne il prezzo. Ma come si fa a calcolare il prezzo dell’amore? L’amore non si compra, non si vende, non c’è prezzo, non c’è misura per l’amore! L’amore è tutto, e così tutto andava versato, ed oggi comprendo perché: l’amore è solo quando tutto è donato, come quello spicciolo della vedova al tempio, come quello del ragazzino nei pani e pesci, come il tuo sangue sparso sui due chilometri dell’ultima strada percorsa dai tuoi piedi salendo fino al Golgota.
Quando ti ho visto così sfigurato ho chiuso gli occhi e ho inspirato profondamente, e il tuo profumo è entrato di nuovo nelle mie narici e gli occhi hanno cominciato a lacrimare, e ogni lacrima d’amore si è sparsa ancora suoi tuoi piedi… i miei piedi.
D’ora in avanti mi basterà chiudere gli occhi e io sentirò la tua presenza: se qualcuno ti ha venduto, io ti ho ricomprato col mio prezioso nardo, se qualcuno ti ha legato, io ti do ali per volare nel per sempre come fragranza d’amore, come profumo della dismisura, effluvio d’abbondanza!

Fra Giorgio

Vieni, vieni chiunque tu sia, sognatore, devoto, vagabondo, poco importa. Vieni ...

In ebraico profumo si dice shemen. Richiama shem (=nome),

che indica la presenza di Dio tra gli uomini. Dio infatti è amore e Letizia che non può non comunicarsi e donarsi.

Il suo profumo si espanderà proprio dalla croce, dove il suo nome è glorificato anche dai più lontani.

Col cambio dell’ora e col cielo terso ho dinnanzi a me un sole rosso. Sembra immobile, sembra fissarmi, come a voler dire qualcosa: è questo il colore di questi giorni, rosso, rosso fuoco, rosso passione, rosso amore.

La prima maestra è Maria, sorella di Lazzaro e Marta. E’ lei ad insegnarci come si entra in questa settimana, e lascio ad Angelo Casati di descriverne il cuore.

“Maria è l’unica che si avvicina al mistero di quel suo amico, va al cuore delle cose, al cuore della fede, che è relazione vera. Relazione che è fatta di cuore. Per questo qualcuno distingue…

View original post 1.094 altre parole

Alzati

La settimana Santa diventa per la nostra Fraternità un’occasione per vedere oltre il Visibile e imparare a credere all’Invisibile.
Per questo ogni giorno a partire da Lunedì Santo, vivremo due momenti:
Al mattino:
LA VIA DELLA MISERICORDIA
una riflessione di don Francesco sulle parole del cammino che come
Fraternità abbiamo creato su
Monte Arcano – Santuario Madonna della Rocca.

Alla sera:
PER ASPERA AD ASTRA
un pensiero e un gesto prima di andare a dormire, o per chi inizia il lavoro, per altri che amano restare svegli nella notte o non riescono a dormire.
Troverete i video sulla nostra pagina Facebook e il nostro canale YuoTube.
Un piccolo gesto di amicizia verso tutti voi per respirare assieme il profumo della Resurrezione che verrà.

Poi il mattino di Pasqua, domenica 4 aprile, un momento speciale per vivere il Risorto.


www.monasterosanmagno.it
GIORNI INVISIBILI – Giorno Primo: ALZATI

 

Monastero San Magno

Uno spazio di luce
per tutti i viandanti
con il cuore aperto
in cerca di una scintilla di senso.
Dio ama chi sa rischiare,
chi parte alla ricerca,
i viandanti innamorati
che hanno il coraggio
di lasciare tutto,
che hanno il coraggio di amare
senza possedere, convinti
che l’amore basta all’amore.
Uno spazio per chi passa
con la tenda per una notte.
Tutti i viandanti di questo
tempo inquieto
accogliere le loro crisi
offrire silenzio,
il calore di un abbraccio l’opportunità di ritrovarsi
per poi ripartire.
Dio più di una casa
immagine di fissità,
ha sognato per il tuo amore
una tenda, caldo rifugio per una notte,
e all’alba la arrotoli
alla ricerca di nuovi orizzonti
sempre oltre, per ininterrotti
sentieri che solo l’amore inventera’.
Andare di terra in terra
di amore in amore
perdutamente, e all’ultimo orizzonte scoprire che Dio
non era nelle stanche parole
ma nel brivido del tuo
inquieto cammino.

Luigi Verdi

Originally posted on ANOTHERSEA:
“Disse la vecchia guaritrice dell’anima: Non fa male la schiena, fa male il carico. Non fanno male gli occhi, fa male l’ingiustizia .Non fa male la testa, fanno male i pensieri. Non fa male la gola,…

DOMENICA 28 MARZO: COMMENTO AL VANGELO DI DON LUIGI VERDIdomenica delle Palme

In questa settimana capiremo quanto è a un passo l’odio e a un passo l’amore. Quante cose facciamo soffrire con la nostra sofferenza, quante persone soffocano per le nostre troppe parole, quante cose blocchiamo nella rete del nostro egoismo.
Proviamo ad aprire il cuore e ritroviamo la leggerezza del respiro, perchè alla fine di questi giorni solo l’amore resterà; cerchiamo di averne cura fin da adesso.

LUIGI VERDI
FRATERNITÀ DI ROMENA – ONLUS
Messa di Romena 28 Marzo 2021
Occorre lasciare scorrere la vita.
Lasciare andare le cose che ce la complicano, Andare incontro a un giorno nuovo
vestiti di semplicità e leggerezza,
Perchè non ritornare a vivere semplicemente? SempliceComeUnSorriso,
SempliceComeIlMare.
L.Verdi

Don Gianni Papianoinsieme

🍀 Coraggio… non bisogna mai arrendersi. Ce la faremo! 💌 The kid 🎼🎵🎶Modern Times

Buck up – never say die.

We’ll get along !

🦋LeggiAmo 🦋i libri che ho letto / leggerò🦚promemoria🦚

Charlie Chaplin – The Kid (Original Motion Picture Soundtrack)

Charlie Chaplin – The Kid – Pancake Scene

Charlie Chaplin – Modern Times – The Complete Remastered Soundtrack

Charlie Chaplin – Modern Times ending (1936)

View original post

I GIORNI DI PASQUA CON ROMENA… Vivere insieme i giorni della settimana santa.

Dal 29 marzo al 2 aprile, ore 7
Dal 29 marzo al 2 aprile, ore 7
un percorso di riflessioni mattutine in video intitolato

“I profumi della Pasqua”, condotto da cinque testimoni femminili.

I GIORNI DI PASQUA CON ROMENA

Vivere insieme i giorni della settimana santa. E’ questo il proposito da cui nasce il programma che vi proponiamo da lunedì prossimo, 29 marzo e che ci permetterà di condividere le riflessioni e i momenti forti della Pasqua anche a distanza. Il lunedì dell’Angelo, infine, vi proporremo un percorso di canzoni e pensieri per vivere … Leggi tutto

Giovedì 1 e Venerdì 2 aprile
Giovedì 1 e Venerdì 2 aprile
con le riflessioni di don Luigi Verdi

 vivremo insieme il giorno dell’ultima cena e della Passione di Gesù a partire dalle ore 21.

Benigni al Quirinale recita il XXV canto del Paradiso nel Salone dei Corazzieri del Quirinale, alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e del ministro della Cultura, Dario Franceschini. L’evento sarà trasmesso in diretta alle 19.10 su Rai 1.

“’Ho sposato un prete’, e lo amo più che mai”

di Daniele Petrone

Lo definisce “uno schiaffo netto al viso pallido dell’ipocrisia reggiana”. Gerardina Bellassai, 59 anni, ex guida dei City Angels di Reggio – associazione che aiutava i più deboli (dai tossicomani agli alcolisti fino a clochard e prostitute) ha scritto un libro destinato a fare scalpore in città.

Si intitola “Ho sposato un prete”, in uscita a fine mese, edito da Europa Edizioni (già prenotabile però sul sito http://www.europaedizioni.com e vari portali dedicati ai libri). La donna infatti si è unita a nozze nel gennaio 2018 con l’ex sacerdote Achille Melegari, 60 anni, già prete a Cella, Cadè e Gaida
— Leggi su www.msn.com/it-it/notizie/italia/ho-sposato-un-prete-e-lo-amo-più-che-mai/ar-BB1eGH0J

Solennità dell’annunciazione…

Annunciazione


Don Fabio Rosini

Annunciazione (Maestro di Seitenstetten), 1490 circa

🌹🙏🏻🌹🙏🏻🌹🙏🏻🌹🙏🏻🌹

ANNUNCIAZIONE DEL SIGNORE

Solennità

Liturgia del Giorno

Colore Liturgico Bianco

Prima Lettura

Ecco, la vergine concepirà.

Dal libro del profeta Isaìa

Is 7,10-14; 8,10c

In quei giorni, il Signore parlò ad Acaz: «Chiedi per te un segno dal Signore, tuo Dio, dal profondo degli inferi oppure dall’alto». Ma Acaz rispose: «Non lo chiederò, non voglio tentare il Signore». Allora Isaìa disse: «Ascoltate, casa di Davide! Non vi basta stancare gli uomini, perché ora vogliate stancare anche il mio Dio? Pertanto il Signore stesso vi darà un segno. Ecco: la vergine concepirà e partorirà un figlio, che chiamerà Emmanuele, perché Dio è con noi».

Parola di Dio

Salmo Responsoriale

Dal Sal 39

R. Ecco, Signore, io vengo per fare la tua volontà.

Sacrificio e offerta non gradisci,

gli orecchi mi hai aperto,

non hai chiesto olocausto né sacrificio per il peccato.

Allora ho detto: «Ecco, io vengo». R.

«Nel rotolo del libro su di me è scritto

di fare la tua volontà:

mio Dio, questo io desidero;

la tua legge è nel mio intimo». R.

Ho annunciato la tua giustizia

nella grande assemblea;

vedi: non tengo chiuse le labbra,

Signore, tu lo sai. R.

Non ho nascosto la tua giustizia

dentro il mio cuore,

la tua verità e la tua salvezza

ho proclamato. R.

Seconda Lettura

Ecco, io vengo per fare, o Dio, la tua volontà.

Dalla lettera agli Ebrei

Eb 10,4-10

Fratelli, è impossibile che il sangue di tori e di capri elimini i peccati. Per questo, entrando nel mondo, Cristo dice: «Tu non hai voluto né sacrificio né offerta, un corpo invece mi hai preparato. Non hai gradito né olocausti né sacrifici per il peccato. Allora ho detto: “Ecco, io vengo – poiché di me sta scritto nel rotolo del libro – per fare, o Dio, la tua volontà”». Dopo aver detto: «Tu non hai voluto e non hai gradito né sacrifici né offerte, né olocausti né sacrifici per il peccato», cose che vengono offerte secondo la Legge, soggiunge: «Ecco, io vengo a fare la tua volontà». Così egli abolisce il primo sacrificio per costituire quello nuovo. Mediante quella volontà siamo stati santificati per mezzo dell’offerta del corpo di Gesù Cristo, una volta per sempre.

Parola di Dio

Acclamazione al Vangelo

Lode e onore a te, Signore Gesù.

Il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi;

e noi abbiamo contemplato la sua gloria.

Lode e onore a te, Signore Gesù.

Vangelo

Ecco concepirai un figlio e lo darai alla luce.

Dal Vangelo secondo Luca

Lc 1,26-38

In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te». A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine». Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio». Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.

Parola del Signore